Nextville - logo
 

Bandi nazionali scaduti

Comuni per la sostenibilitÓ e l'efficienza energetica

Con l’Avviso pubblico CSE (Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza Energetica) del POI (Programma Operativo Interregionale) Energia è prevista la concessione di contributi a fondo perduto per progetti di efficientamento e/o produzione di energia da fonti rinnovabili sugli edifici delle amministrazioni comunali delle Regioni Convergenza, attraverso l’acquisto e l’approvigionamento di beni e servizi tramite il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA).

Le risorse disponibili sono 15 milioni di euro, a valere sulle linee di attività 1.3 “Interventi a sostegno della produzione di energia da fonti rinnovabili nell’ambito dell’efficientamento energetico degli edifici ed utenze energetiche pubbliche o ad uso pubblico” e 2.7 “Interventi di efficientamento energetico nell’ambito di azioni integrate di sviluppo urbano sostenibile” del POI Energia.

I contributi dell’ Avviso CSE finanziano interventi per un valore ammesso che non può essere:

- inferiore a 40.000 euro iva esclusa;

- superiore alla soglia di rilevanza comunitaria di cui all’art. 28, co. 1, lett. b) del Dlgs n. 163/2006, di volta in volta vigente alla data di emissione della Richiesta di Offerta (RDO), e attualmente pari ad 207.000 euro oltre IVA.

Il finanziamento è concesso nella forma del contributo a fondo perduto per l’acquisto e l’approvvigionamento, fino al 100% del costo ammissibile, di beni e servizi proposti dai fornitori abilitati all’interno del MePA in riferimento al bando di abilitazione “Fonti rinnovabili ed efficienza energetica”.

Soggetti beneficiari

Possono presentare istanza di concessione di contributo a valere sul POI tutte le Amministrazioni comunali delle Regioni Convergenza che intendano realizzare interventi di efficientamento energetico e/o di produzione di energia da fonti rinnovabili su edifici:

(i) di proprietà dell’Amministrazione comunale istante e che siano nella disponibilità esclusiva della stessa, restando pertanto espressamente escluse fattispecie di detenzione o possesso da parte di terzi; ovvero

(ii) di proprietà del Demanio dello Stato o di altra Amministrazione pubblica (per Amministrazioni pubbliche si intendono i soggetti di cui all’art. 1, comma 2, del Dlgs 30 marzo 2001, n. 165), e che siano nella disponibilità esclusiva della medesima Amministrazione comunale istante in virtù di un titolo che ne legittimi la detenzione o il possesso

fermo restando che deve trattarsi di edifici insistenti nel territorio delle Regioni Convergenza.

Quanto precede, inoltre, fermo restando che il contributo non può essere richiesto in relazione a edifici ricompresi tra i beni culturali di cui all’art. 10 del Dlgs 22 gennaio 2004, n. 42.

Progetti ammissibili

Sono ammessi al finanziamento:

- Impianti fotovoltaici e servizi connessi (Impianto fotovoltaico connesso in rete e servizi connessi);

- Impianti solari termici e servizi connessi (Impianto solare termico ACS per uffici e per scuole con annessa attività sportiva);

- Impianti di minicogenerazione e servizi connessi;

- Impianti a pompa di calore per la climatizzazione servizi connessi;

- Beni per l'efficienza energetica (Interventi di Relamping).

Ciascun intervento finanziato (...) sarà oggetto di una singola istanza di ammissione a contributo e dovrà riguardare un solo edificio o, in alternativa, un solo complesso immobiliare, per tale intendendosi l’insieme coordinato di edifici collegati o meno fisicamente, posti in un’area limitata, con destinazioni d’uso funzionali tra di loro e con presenza di parti comuni che ne determinano la sostanziale unitarietà.

Gli interventi finanziati a valere sul POI potranno essere realizzati in attuazione di una diagnosi energetica che sia già nella disponibilità dell’Amministrazione comunale istante, purché la stessa sia stata realizzata e fatturata in data antecedente al 24 giugno 2014.

Modalità di presentazione della domanda

Previa abilitazione al MePA (secondo le modalità indicate sul portale www.acquistinretepa.it), e comunque in conformità alla disciplina dell’iniziativa “Fonti rinnovabili ed efficienza energetica” ed alle “Regole del Sistema di e-procurement della Pubblica Amministrazione” (come da relativi documenti reperibili nel medesimo portale www.acquistinretepa.it), nonché nel rispetto delle applicabili disposizioni del Dlgs n. 163/2006 e del Dpr n. 207/2010, le Amministrazioni comunali (...) effettuano l’acquisto dei prodotti (...) esclusivamente attraverso una Richiesta di Offerta (RDO). Sono pertanto inammissibili alla contribuzione acquisti effettuati tramite un Ordine Diretto d’Acquisto (ODA).

È possibile attivare la Richiesta di Offerta (Rdo) tramite il MePA (Vedi Riferimenti) a partire dal 4 luglio 2014, per l’acquisto e l’approvvigionamento di beni e servizi. La RdO dovrà fare riferimento a beni e servizi rispondenti alle caratteristiche, agli obiettivi ed alle finalità indicate nella diagnosi energetica dell’edificio su cui si intende realizzare l’intervento, previamente effettuata dal Comune.

Le richieste di concessione del contributo possono essere presentate a partire dal 22 luglio 2014 tramite la piattaforma online CSE (https://cse.mise.gov.it); i contributi saranno assegnati sulla base di una procedura a sportello, nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione delle istanze e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google