Nextville - logo
 

Biogas

Biometano

Dal biogas al biometano: tutto quello che c' da sapere

Il biometano è un gas che contiene prevalentemente metano (CH4) ed è prodotto da una fonte rinnovabile. Deriva infatti dal biogas sottoposto a processo di purificazione (deidratazione, desolforazione, rimozione di ammoniaca gassosa, NH3, mercaptani, polveri) e upgrading (rimozione dell’anidride carbonica, CO2) fino a quando raggiunge la qualità del gas naturale. Per tale motivo il biometano può essere immesso nella rete del gas, dopo un’opportuna compressione e odorizzazione.

Al termine del processo di purificazione e upgrading, il biometano ottenuto contiene circa il 98% di metano ed è chimicamente molto simile al gas naturale.


Utilizzi del biometano

Le possibili destinazioni finali del biometano sono del tutto equivalenti a quelle del gas naturale:

• stazioni di rifornimento di carburante poste più o meno nei pressi dell'impianto di produzione di biogas (la distanza è direttamente correlata allo sviluppo e alla struttura della rete di distribuzione del gas);
• cogenerazione in impianti centralizzati (ove in particolare il calore prodotto dal cogeneratore possa essere usato in maniera più efficiente);
• utenze domestiche (riscaldamento e cottura);
• utenze industriali.

È quindi evidente come in questo modo il biometano possa rappresentare un mezzo energeticamente più flessibile, e quindi più efficiente, rispetto al biogas.

La maggior efficienza energetica del biometano rispetto al biogas è ancor più significativa considerando che l'attuale produzione di biogas avviene in impianti decentralizzati, in cui spesso l'energia termica prodotta dal cogeneratore (CHP) non trova modalità efficienti di utilizzazione. Il biometano può viceversa essere utilizzato anche in impianti di CHP centralizzati e localizzati esattamente laddove la produzione di energia termica può essere utilizzata maggiormente o completamente.

 
Incentivi al biometano

Attualmente il biometano viene incentivato sulla base di quanto disposto dal Dm 2 marzo 2018 "Promozione dell'uso del biometano e degli altri biocarburanti avanzati nel settore dei trasporti ".

A differenza del precedente provvedimento incentivante (Dm 5 dicembre 2013), che incentivava l'impiego del biometano a 360 gradi (immissione in rete gas, cogenerazione, trasporti), il nuovo decreto del 2018 si concentra esclusivamente sul biometano, sul biometano avanzato e sui biocarburanti avanzati diversi dal biometano, da impiegare nel settore dei trasporti, in cui è ancora grande il deficit delle rinnovabili rispetto al target Ue 2020.

>> Per tutti gli approfondimenti, si veda la voce "Incentivi biometano" nel menu di destra

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google