Nextville - logo
 

FiscalitÓ

Cessione del credito detrazioni risparmio energetico

Cessione del credito per riqualificazione energetica degli edifici

La legge di stabilità 2016 (legge n. 208/2015) ha introdotto la cosiddetta "cessione del credito", utilizzabile in caso di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali.

Secondo le regole introdotte dalla medesima legge, essa si applica ai soggetti ricadenti all’interno della cosiddetta "no tax area": al posto della detrazione, essi possono optare per la cessione del credito di imposta ai fornitori che hanno effettuato i lavori (per maggiori informazioni sulle detrazioni per il risparmio energetico vedi voce corrispondente nel menu di destra).

La legge di bilancio 2017 ha introdotto una forma di cessione del credito riservata a tutti i contribuenti e non solo ai soggetti "no tax area": essa viene concessa solo per i lavori che beneficiano del 70% e del 75% (esclusi quindi quelli del 65%).

La legge di bilancio 2018 (legge n. 205/2017) ha esteso la cessione del credito anche per i soggetti "no tax area" che realizzano interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle singole unità immobiliari.

Nel menu di sinistra, sono accessibili le due voci nelle quali abbiamo scelto di suddividere una materia che nel tempo è diventata sempre più complessa:

cessione del credito condomìni, contiene la spiegazione delle modalità con cui i condòmini possono effettuare la cessione del  credito;

cessione del credito singole unità immobiliari, tratta delle modalità attraverso cui i soggetti ricadenti nella "no tax area" che effettuano interventi di risparmio energetico su singole unità immobiliari possono cedere il credito fiscale ai beneficiari previsti per legge.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google