Nextville - logo
 

Illuminazione

Illuminazione pubblica

Efficienza energetica e riduzione delle emissioni luminose nelle strade e nei piazzali

L'illuminazione di strade, piazzole, aree di smistamento, parcheggi, centri commerciali, stazioni e aeroporti richiede notevoli quantità di energia.

L'illuminazione stradale genera tra il 15% e il 25 % dei costi energetici di un comune. Il consumo di energia elettrica che deriva dall'illuminazione pubblica è stato stimato in circa il 2% dei consumi nazionali (Indagine Legambiente 2004). Ciò corrisponde a 5.917 milioni di kWh annui, che a loro volta equivalgono a circa il 3% delle emissioni che il nostro Paese deve abbattere per raggiungere gli obiettivi di Kyoto.

Intervenendo sugli impianti di illuminazione esistenti, oppure realizzando nuovi impianti più efficienti, si possono ridurre i consumi e realizzare economie considerevoli. Ciò comporta una diminuzione delle emissioni di gas effetto serra e può anche ridurre le emissioni luminose, contribuendo così alla riduzione dell'inquinamento luminoso, come richiesto dalle norme adottate da alcune regioni.


I punti fondamentali per il risparmio energetico nell'illuminazione pubblica

Per procedere ad una corretta progettazione (o riprogettazione) di un impianto di lluminazione pubblica, prima di tutto è necessario valutare dove l'illuminazione è realmente necessaria. Solo quando si è chiaramente stabilito questo elemento (vedi la voce Classificazione delle strade), si passa ad esaminare gli aspetti tecnici e le modalità di funzionamento del sistema di illuminazione.

I punti sui quali puntare l'attenzione nel programmare gli interventi possono schematicamente essere così riassunti:

Scelta della struttura di sostegno e lampadario
Il lampione deve essere adatto al tipo di illuminazione che deve fornire. Ciò si ottiene facendo variare l'altezza del punto luce e la lunghezza del braccio in modo da ottimizzare l'inclinazione della luce (vedi voce nel menu di sinistra).

Scelta della lampada
La sola sostituzione di lampade tradizionali con lampade ad alto rendimento permette un risparmio dal 40% al 50% (vedi voce nel menu di sinistra).

Alimentatore e orari di funzionamento
Stabilendo idonei orari di spegnimento o di diminuzione dell'illuminazione è possibile ottenere un notevole risparmio. Ciò avviene attraverso alimentatori interni al lampadario o, con una innovazione italiana, attraverso dispositivi che si applicano senza che sia necessario sostituire tutto il lampadario
(vedi voce nel menu di sinistra).

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google