Nextville - logo
 

Controlli e sanzioni GSE

Il sistema di controlli introdotto dal Dm Sviluppo 31 gennaio 2014

Attuando quanto previsto dall’articolo 42 del Dlgs 28/2011, il Dm Sviluppo economico 31 gennaio 2014 definisce per la prima volta un sistema organico di controlli in materia di incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

I controlli sono svolti dal GSE, che può avvalersi anche di supporto tecnico di soggetti terzi dotati di idonee competenze specialistiche e di società controllate dallo stesso GSE.

Gli impianti e la documentazione soggetti ai controlli, ai sensi del Dm 31 gennaio 2014, sono quelli che beneficiano di incentivi sulla produzione elettrica di competenza del GSE.

Nota bene: è prevista anche l'uscita di un analogo decreto ministeriale, relativo ai controlli sugli impianti di produzione di energia termica che beneficiano degli incentivi del GSE.

I controlli hanno l’obiettivo di verificare la sussistenza o permanenza dei requisiti (soggettivi e oggettivi) e dei presupposti per il riconoscimento o mantenimento degli incentivi.

I controlli vengono sempre effettuati nei casi in cui il GSE venga informato di irregolarità individuate da altri soggetti pubblici e rilevanti ai fini dell’erogazione degli incentivi.

A tal proposito, il GSE può anche sottoscrivere protocolli di intesa con i soggetti pubblici per eventuali controlli incrociati, ferme restando le rispettive competenze.

I protocolli possono essere stipulati con le Agenzie regionali per la protezione ambientale, in particolare, per lo svolgimento di sopralluoghi congiunti negli impianti alimentati a biogas, bioliquidi e biomasse, inclusi i rifiuti.

Abbiamo suddiviso l'argomento nelle seguenti voci di menu:

Soggetti preposti ai controlli

Violazioni rilevanti

Iter dei controlli

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google