Nextville - logo
 

Incentivi biometano (Dm 2 marzo 2018)

Gli incentivi e le agevolazioni per il biometano introdotti dal Dm 2 marzo 2018

L'incentivazione del biometano, prevista in attuazione del Dlgs 28/2011, è stata regolata in una prima fase dal Dm Sviluppo economico 5 dicembre 2013 

Tale provvedimento, a cui va riconosciuto il merito di aver dato il via all'incentivazione del biometano nel nostro paese, non ha però prodotto i risultati attesi in termini di investimenti effettuati e di realizzazione di nuovi impianti.

Per tal motivo, dopo una lunga fase di concertazione e di consultazione con i soggetti interessati, nel 2018 si è giunti all'emanazione del Dm Sviluppo economico 2 marzo 2018 (entrato in vigore il 19 marzo 2018).

A differenza del precedente provvedimento, che incentivava l'impiego del biometano a 360 gradi (immissione in rete gas, cogenerazione, trasporti), il nuovo decreto si concentra esclusivamente sul biometano, sul biometano avanzato e sui biocarburanti avanzati diversi dal biometano, da impiegare nel settore dei trasporti, in cui è ancora grande il deficit delle rinnovabili rispetto al target Ue 2020

Nota bene: non essendo più in vigore quanto disposto dal Dm 5 dicembre 2013, per i restanti usi del biometano bisognerà attendere un successivo decreto, da emanare soltanto a seguito del raggiungimento del target delle fonti rinnovabili nei trasporti.

Con il nuovo decreto l'Italia si propone il raggiungimento di un specifico obiettivo nazionale per il biometano avanzato e gli altri biocarburanti avanzati, pari allo 0,9% al 2020 e all'1,5% a partire dal 2022; sub target all'interno del più generale obiettivo del 10% al 2020 del consumo di energie rinnovabili nel settore dei trasporti.

Attenzione: ai soli fini di quanto disposto dal Dm 2 marzo 2018, il settore dei trasporti, nel caso di utilizzo di biometano, comprende anche gli usi di biometano nelle macchine agricole (articolo 57 Dlgs 285/1992), nelle unità da pesca e nei mezzi della navigazione interna. 

Le voci del menu di sinistra sono dedicate ad una analisi dei contenuti del Dm 2 marzo 2018, strutturati per facilitare all'utente la comprensione delle disposizioni e delle diverse tipologie di forme incentivanti previste dal decreto. I contenuti delle pagine verranno ulteriormente ampliati e rivisti sulla base delle procedure applicative del GSE, la cui emanazione è prevista entro il 19 giugno 2018.

Ricordiamo infine che l'incentivazione del biometano è sottoposta alle regole di corretta connessione degli impianti alle reti del gas naturale, dettate dalla delibera dell'Autorità per l'energia n. 46/2015/R/gas del 12 febbraio 2015.

>> Per approfondire la tematica della connessione alla rete gas degli impianti di biometano, si veda la sezione "Connessione rete gas impianti biometano" nel menu di destra

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google