Nextville - logo
 

protocollo ITACA

Protocollo ITACA

Italia

Marchio "a punteggio"
www.itaca.org

Nel 2004, la Conferenza dei Presidenti delle Regioni Italiane ha approvato il "Protocollo ITACA", sistema di valutazione della qualità ambientale per gli edifici residenziali.
Ad oggi il protocollo ITACA:

- È stato identificato come strumento di certificazione energetico ambientale dalla Regione Marche;

- È lo strumento di valutazione di riferimento per il Piano nazionale di Edilizia abitativa e per il Programma casa della Regione Piemonte;

- Costituisce la linea guida per la valutazione della sostenibilità ambientale nella Regione Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Umbria, Basilicata, Puglia;

- È stato applicato in diverse iniziative di promozione dell'edilizia sostenibile da parte di numerose Regioni.

Il Protocollo nasce dal gruppo di lavoro sulla bioedilizia di ITACA (Associazione Federale delle Regioni Italiane) che a sua volta ha adottato il sistema di certificazione sviluppato dal Green Building Challenge (GBC).

iiSBE Italia è un'organizzazione non-profit rivolta alla diffusione di politiche, metodologie e strumenti per la promozione di un ambiente costruito più sostenibile e che si avvale del sistema GBC. iiSBE ha stipulato una convenzione con l'Istituto per le Tecnologie della Costruzione del CNR per lo sviluppo degli strumenti di valutazione GBC.
iiSBE Italia è inoltre il referente nazionale del sistema di valutazione Protocollo ITACA.

Gli interessi e gli obiettivi iiSBE Italia sono finalizzati a:
Promuovere la realizzazione di edifici sostenibili; incoraggiare attività di ricerca e sviluppo nel campo dell'edilizia sostenibile; intraprendere attività per favorire la riconoscibilità degli edifici ad elevata prestazione ambientale e per dirigere il mercato immobiliare verso una maggiore sostenibilità; diffondere i principi e la pratica dell'edilizia sostenibile, in particolare nell'industria delle costruzioni; fungere da centro informativo sull'edilizia sostenibile per i consumatori e l'industria delle costruzioni; sostenere ed incoraggiare programmi ed iniziative sull'edilizia sostenibile tramite la formazione e l'aggiornamento professionale.
Maggiori informazioni su www.iisbeitalia.org

Il Protocollo ITACA permette di verificare la sostenibilità ambientale dell'edificio. La valutazione avviene tramite due gruppi di schede:
Il primo gruppo riguarda il "consumo delle risorse" e contiene le schede di valutazione del contenimento di consumi energetici invernali ed estivi, della produzione di acqua calda sanitaria, dell'illuminazione naturale, della quantità di energia elettrica da fonti rinnovabili, dell'uso di materiali eco-compatibili, dei consumi di acqua potabile e del mantenimento delle prestazioni dell'involucro edilizio.
Il secondo gruppo verifica l'incidenza dei "carichi ambientali", analizzando, come fattori: l'emissione di gas serra, i rifiuti solidi e liquidi prodotti e la permeabilità delle aree esterne.

In base alla specifica prestazione, l'edificio per ogni criterio e sotto-criterio riceve un punteggio che può variare da -1 a +5. Lo zero rappresenta lo standard di paragone riferibile alla pratica costruttiva corrente, nel rispetto delle leggi o dei regolamenti vigenti.
Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google