Nextville - logo
 

Detrazioni fiscali

Le prime facilitazioni fiscali per interventi sugli edifici esistenti sono state introdotte alla fine degli anni 90, per promuovere le opere di ristrutturazione e risanamento dei singoli appartamenti e degli immobili condominiali.

La detrazione 50% per le ristrutturazioni

Il Dl 22 giugno 2012 n. 83, convertito in Legge 134/2012, ha cambiato il meccanismo dell’incentivazione alle ristrutturazioni degli edifici.
A partire dal 26 giugno 2012, la percentuale del 36% per le ristrutturazioni è aumentata al 50% e l’importo massimo di spesa per ogni unità abitativa è salito da 48.000 a 96.000 euro. Queste condizioni dovevano scadere nel giugno 2013, ma il Dl 4 giugno 2013, n. 63 (convertito con modifiche in Legge 90/2013), ha aggiunto sei mesi di tempo (31 dicembre 2013) alla scadenza naturale. La Legge di Stabilità 2014 aveva ulteriormente prorogato la detrazione, confermando il 50% per tutto il 2014 e prevedendo percentuali decrescenti negli anni successivi (il 40% nel 2015 e il ritorno al 36% dal 1° gennaio 2016).

Invece la Legge di Stabilità 2015 ha di nuovo cambiato le carte in tavola, prorogando per tutto il 2015 sia il 50% per le ristrutturazioni che il 65% per interventi antisismici.

Anche la scadenza del Bonus mobili ed elettrodomestici è stato posticipata di un anno, al 31 dicembre 2015.

>> si veda la voce Detrazioni 50% (ex 36%) nel menu di sinistra


La detrazione 65% (ex 55%) per l'efficientamento

Dal gennaio 2007 è attivo un meccanismo analogo, che premia numerosi interventi di efficientamento energetico degli edifici con la detrazione 55%, che negli ultimi anni è stata più volte prorogata, seppure con alcune modifiche.
Il Dl 4 giugno 2013, n. 63 (convertito con modifiche in Legge 90/2013) ha aumentato la percentuale detraibile dal 55% al 65%. Inoltre, è stata prevista un'ennesima proroga, al 31 dicembre 2013 (30 giugno 2014 per i condomini).
La Legge di Stabilità 2014 aveva ulteriormente prorogato la detrazione, confermando il 65% per tutto il 2014 e prevedendo un abbassamento della percentuale al 50% nel 2015.

Invece la Legge di Stabilità 2015 ha di nuovo cambiato le carte in tavola, prorogando per tutto il 2015 il 65%, estendendolo inoltre a due nuove tipologie di interventi finora esclusi: caldaie a biomasse e schermature solari.

>> si veda la voce Detrazioni 65% (ex 55%) nel menu di sinistra

Segnala questa pagina su:
             
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google