Nextville - logo

News e articoli

25 Febbraio 2013

Fotovoltaico, la discesa inarrestabile del costo dei pannelli

(Emiliano Angelelli)

Secondo Greentech Media entro il 2015 il costo di produzione dei moduli fotovoltaici tradizionali in silicio scenderÓ ulteriormente arrivando a 32 centesimi di euro per watt.

Uno dei pregiudizi più diffusi nell'ambito del mercato del solare fotovoltaico è che sia la sovrapproduzione la responsabile della riduzione dei costi di produzione, e che questa riduzione verrà meno una volta che il mercato avrà raggiunto una sorta di equilibrio. In realtà l'intensa competizione nel settore sta producendo nuova innovazione ed efficienza nei processi di produzione, e questo continuerà a provocare per molto tempo una diminuzione dei costi manufatturieri.

E' ciò che emerge dalla ricerca realizzata da Greentech Media, che già il luglio scorso aveva annunciato che entro il 2015 i costi di produzione dei moduli solari sarebbero scesi fino a 50 centesimi di dollaro per watt ovvero 38 centesimi di euro. Una cifra importante che consentirebbe al solare di avvicinarsi ai prezzi dei combustibili fossili in paesi come gli Stati Uniti, la Cina e l'India. Ora, sulla base delle più recenti evoluzioni tecnologiche, Greentech ha tagliato ulteriormente le sue previsioni del 18%, annunciando che nel 2015 i prezzi scenderanno fino a 42 centesimi di dollaro per watt ovvero 32 centesimi di euro.



Sulla base della tabella sopra riportata, nel 2012 i prezzi dei moduli di c-Si Solar, il leader cinese nella produzione di pannelli fotovoltaici, si attestava intorno ai 59 centesimi di dollaro per watt (45 centesimi di euro). Tra il 2009 e il 2012 l'azienda cinese avrebbe ridotto i costi del 50% e nei prossimi tre anni (insieme ad altre compagnie come Jinko, Yingli, Trina e Renesola) sarebbe in grado di abbassare i costi di un altro considerevole 30%.

E' evidente che la riduzione dei prezzi nei prossimi anni non sarà paragonabile a quelli degli anni precedenti, ma Greentech sostiene che ci sono numerose innovazioni in corso nei processi manufatturieri (nuove tecniche di taglio, wafer più sottili, adesivi conduttori, moduli frameless) che consentiranno di tagliare ulteriormente i costi e di rendere l'energia prodotta da fotovoltaico più economica di quella prodotta da carbone e gas.

Per rimanere aggiornati sulle novità di Nextville vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter quindicinale gratuita. Iscriviti qui

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google