Nextville - logo

News e articoli

3 Dicembre 2014

Pubblicato il Piano nazionale per la ricarica dei veicoli elettrici

(Maria Antonietta Giffoni)

Con quasi due anni di ritardo, stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il "Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica".

Secondo quanto stabilito dal Dl 83/2012 (Decreto Crescita), "al fine di garantire in tutto il territorio nazionale i livelli minimi uniformi di accessibilità del servizio di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, ... è approvato il Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati a energia elettrica".

Il documento doveva essere emanato entro il 12 febbraio del 2013 e, invece, è stato approvato dal Ministero delle Infrastrutture nel luglio del 2013 e pubblicato in Gazzetta solo ieri 2 dicembre 2014, in allegato al Dpcm 26 settembre 2014.

Il Piano, che dovrà essere aggiornato al 30 giugno di ogni anno, definisce le linee guida per garantire lo sviluppo del servizio di ricarica dei veicoli alimentati a energia elettrica nel territorio nazionale e prevede due fasi principali:

• una prima fase di definizione e sviluppo si colloca nell'arco temporale che va dal 2013 al 2016; e ha come obiettivi generali:
- l'introduzione di una dimensione minima di veicoli elettrici,
- l'introduzione di un'infrastruttura di base di colonnine di ricarica pubbliche e private,
- la concertazione e la definizione di standard tecnologici,
- la definizione, lo sviluppo e implementazione di politiche volte a favorire lo sviluppo della mobilità elettrica,
- incentivo allo sviluppo tecnologico.

• la seconda fase, che si colloca nel periodo 2017-2020, sarà di consolidamento degli standard di diffusione su larga scala dei veicoli elettrici. Ha come obiettivi:
- l'emanazione di norme comuni e condivise tra gli Stati membri dell'Unione europea,
- la diffusione su larga scala di veicoli ad alimentaizone elettrica (puri e ibridi Plug In),
- il completamento e il consolidamento della rete di infrastrutture di ricarica pubblica (e privata),
- incentivo allo sviluppo tecnologico.

Per il finanziamento del  Piano  nazionale,  il  Ministero  delle  infrastrutture  e  dei  trasporti mette a disposizione quasi 15 milioni di euro per l'anno 2015.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google