Nextville - logo

News e articoli

9 Dicembre 2014
Ddl StabilitÓ 2015: il punto sulle detrazioni fiscali 50% e 65%
(Filippo Franchetto)

Numerose le novitÓ relative alle detrazioni fiscali per ristrutturazioni ed efficienza energetica contenute nella disegno di legge StabilitÓ 2015, approvato dalla Camera il 30 novembre e ora all'esame del Senato.

Dal momento che ci basiamo su un testo non ancora approvato in via definitiva (vedi Riferimenti), premettiamo che tutti i contenuti esposti qui di seguito potrebbero subire ulteriori modifiche, di cui vi daremo puntuale notizia.

Detrazioni fiscali del 65% per interventi di efficienza energetica

Trova conferma la proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2015, della detrazione del 65% delle spese sostenute per interventi di efficientamento energetico. Viene inoltre prorogata di 6 mesi, dal 31 giugno 2015 al 30 dicembre 2015, la quota detraibile del 65% anche per gli interventi relativi a parti comuni dei condomini o che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Segnaliamo anche due interessanti novità per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015, per due tipologie di interventi finora esclusi. Si introduce infatti la possibilità di detrarre il 65% per:

• l’acquisto e la posa in opera di schermature solari (Allegato M, Dlgs 311/2006), fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro;

• l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.

Detrazioni fiscali 50% per ristrutturazioni e 65% per interventi antisismici

Viene prorogata di un anno, fino al 31 dicembre 2015, anche la possibilità di detrarre il 50% delle spese sostenute per le ristrutturazioni (gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali).

Beneficiano inoltre di un’analoga proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2015:

• il Bonus mobili ed elettrodomestici, che consiste nella possibilità di detrarre il 50% delle spese, calcolate su ammontare massimo di 10.000 euro, per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. Confermata inoltre anche per il 2015 la possibilità che le spese per mobili ed elettrodomestici siano superiori (ma sempre nel limite dei 10.000 euro) a quelle sostenute per gli interventi di ristrutturazione, a cui il Bonus è collegato;

• la detrazione del 65% delle spese per interventi "relativi all'adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali, per la redazione della documentazione obbligatoria atta a comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio, nonché per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione". 

Ritenuta d’acconto all’8%

Dal 1° gennaio 2015, sale dal 4 all'8% la ritenuta d’acconto trattenuta dalle banche sui bonifici per il pagamento degli interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione degli edifici che beneficiano delle detrazioni del 65% e del 50%.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google