Nextville - logo

News e articoli

9 Luglio 2015
Approvato il nuovo Programma Energetico Ambientale della Lombardia
(Filippo Franchetto)

La Giunta regionale, con Dgr n. X/3706 del 12 giugno 2015, ha approvato il nuovo Programma energetico ambientale regionale (PEAR) integrato con la Valutazione ambientale strategica (VAS).

Il PEAR rappresenta lo strumento di programmazione con cui Regione Lombardia definisce i propri impegni quinquennali in vista del raggiungimento e, se possibile, del superamento degli obiettivi europei al 2020 in materia di incremento dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili nei consumi finali di energia.

Nel PEAR sono inoltre declinati in obiettivi ed "interventi di sistema" gli orientamenti dell’Unione europea in merito allo stanziamento delle risorse previste dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e del Piano di sviluppo rurale (PSR) per il ciclo di programmazione 2014-2020.

Di particolare rilievo, inoltre, il lavoro effettuato nel PEAR sull’individuazione e sulla classificazione delle aree non idonee all’installazione di determinate tipologie di impianti a fonti rinnovabili. Da segnalare il fatto che - oltre all’individuazione degli impianti "non idonei" – vengono indicati in modo complementare anche le tipologie di "impianti istruibili". Si tratta di quegli impianti per i quali, a seguito della specifica istruttoria di ricognizione delle "(...) disposizioni in materia di tutela dell’ambiente, del paesaggio, del patrimonio storico e artistico, delle tradizioni agroalimentari locali, della biodiversità, del paesaggio rurale (...)", non sono individuate incompatibilità tra gli obiettivi di protezione delle disposizioni e gli obiettivi di quota minima di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Per ogni ulteriore approfondimento, rimandiamo alla consultazione del PEAR nei Riferimenti qui sotto e anche al Dossier Regione Lombardia, sempre aggiornato alle ultimissime novità normative.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google