Nextville - logo

News e articoli

8 Gennaio 2016

Rivalutazione ISTAT tariffe 1° Conto energia: assoRinnovabili prepara ricorso al TAR

(Redazione Nextville)

assoRinnovabili si propone di coordinare i ricorsi al TAR dei soci produttori che hanno avuto accesso alle tariffe del 1° Conto energia e ai quali il GSE chiede ora la restituzione degli adeguamenti tariffari Istat erogati negli anni.

Ricordiamo che il 1° Conto energia per il fotovoltaico (Dm Attività produttive 28 luglio 2005) aveva stabilito che la tariffa incentivante erogata dal GSE venisse annualmente aggiornata "sulla base del tasso di variazione annuo, riferito ai dodici mesi precedenti, dei prezzi al consumo delle famiglie di operai e impiegati rilevati dall'Istat". Questo aggiornamento tariffario è stato sempre comunicato ed effettuato dal GSE tra il 2006 e il 2013.

Ora però, come si legge nel comunicato stampa di asso Rinnovabili, "il GSE, ritenendo non dovuto l’aggiornamento ISTAT di tali tariffe, che invece ha già applicato per anni nel lungo periodo compreso tra il 2006 e il 2013, ha iniziato non solo a non riconoscere i nuovi adeguamenti, ma anche a chiedere la restituzione degli adeguamenti già erogati".

L’Associazione "considera illegittima tale richiesta da parte del Gestore sia perché viola il principio di legittimo affidamento, sia perché il Consiglio di Stato aveva già annullato nel 2008 il decreto che abrogava gli adeguamenti Istat, ripristinando così il diritto dei produttori a percepirli".

Per questi motivi assoRinnovabili ha deciso di coordinare i ricorsi al TAR dei soci interessati.

"L’eventuale restituzione delle somme - commenta Agostino Re Rebaudengo, Presidente di assoRinnovabili - risulta particolarmente gravosa per gli operatori. Da un punto di vista fiscale, infatti, la richiesta restitutoria non tiene conto del fatto che sulle somme erogate siano già state versate le relative imposte. Come se non bastasse, dal punto di vista finanziario, questi impianti hanno già subito una riduzione delle tariffe per effetto della misura 'spalma incentivi'".

E’ possibile aderire all’iniziativa di contrasto inviando la propria manifestazione d’interesse all’indirizzo segreteria@assorinnovabili.it entro e non oltre martedì 12 gennaio 2016.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google