Nextville - logo

News e articoli

13 Giugno 2016
Efficienza energetica e impianti termici: novità in Piemonte
(Filippo Franchetto)

Introdotta una nuova possibilità di deroga all’obbligo di impianto termico centralizzato negli edifici residenziali con più di 4 unità abitative, previsto dalla normativa regionale.

Questa una delle novità più significative introdotte in Piemonte dalla Dgr 30 maggio 2016 n. 29-3386, con cui la giunta regionale è intervenuta su alcune criticità riscontrate nell’applicazione della Dgr 4 agosto 2009 n. 46-11968.

Prevista dunque una deroga al principio dell’impianto termico centralizzato, che in alcuni contesti condominiali risulta essere assai gravoso dal punto di vista economico, "(…) posto che il perdurare della crisi economica ha determinato rilevanti tassi di morosità nel pagamento delle spese per il servizio del riscaldamento, tali da comportare la sospensione del servizio di fornitura calore da parte del gestore per mancati pagamenti, rendendo di fatto impossibile per i condomini in regola con i pagamenti la fruizione del servizio stesso e impedendo il relativo ripristino in tempi ragionevoli (…)". E' quindi possibile derogare purché vengano rispettati i requisiti previsti nel Dm 26 giugno 2015 (esecuzione di una diagnosi energetica dell'edificio) e non venga smantellato il sistema di distribuzione centralizzato, al fine di consentire un eventuale futuro allaccio alla rete di teleriscaldamento.

Tra le altre novità di rilievo previste dalla Dgr 30 maggio 2016 n. 29-3386, segnaliamo:

• l’eliminazione dell’obbligo regionale di coibentazione delle pareti in occasione di interventi di ritinteggiatura, essendo questo intervento irrilevante dal punto di vista energetico;

• allungamento dei termini di adeguamento emissivo per determinate tipologie di impianto termico installate da non più di 10 anni, per consentirne un utilizzo congruo alla loro durata di vita media.

La risoluzione delle altre criticità rilevate è stata demandata alla futura emanazione di una nota tecnica di chiarimento da parte del Settore Emissioni e Rischi Ambientali della Direzione ambiente, governo e tutela del territorio.

Per ogni ulteriore approfondimento, consigliamo di consultare le due succitate deliberazioni regionali, nei Riferimenti qui in basso.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google