Nextville - logo
News e articoli
22 Luglio 2016

Sicilia, pasticcio normativo sulle aree non idonee per l’eolico

(Filippo Franchetto)

Attuando quanto previsto dalla Lr 29/2015 e dal Decreto 48/2012, la Regione Sicilia ha (o, meglio, avrebbe) individuato le aree non idonee all'installazione di impianti eolici. Il condizionale in questo caso è d’obbligo.

Ricordiamo che la Legge regionale n. 29 del 20 novembre 2015 prevedeva che – entro il 25 maggio 2016 – con decreto del Presidente della Regione dovessero essere definiti i criteri e individuate le aree non idonee alla realizzazione di impianti eolici sopra i 20 kW. In attesa di tale provvedimento, la Regione con Decreto Dirigenziale n. 13/2016 aveva deciso di sospendere i lavori delle Conferenze di Servizi relativi a procedimenti già avviati per diversi progetti di impianti eolici.

Ora, con la Dgr 12 luglio 2016 n. 241, la Regione sembra aver adempiuto a tale compito, anche se non possiamo non rilevare una serie di anomalie contenute nel provvedimento. Nella Dgr, infatti, si fa più volte riferimento ad uno schema di decreto del Presidente della Regione in cui dovrebbero essere individuate le aree non idonee, che però non è mai stato emanato e non risulta allegato alla Dgr.

Più precisamente il decreto del Presidente della Regione a cui si fa riferimento nella Dgr e di cui non si ha traccia reca il seguente titolo "Definizione criteri e individuazione aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica ai sensi dell'articolo 1 della legge regionale 20 novembre 2015, n. 29, nonché dell'articolo 2 del regolamento recante norme di attuazione dell'articolo 105, comma 5, legge regionale 10 maggio 2010, n. 11, approvato con decreto Presidente Regione siciliana 18 luglio 2012, numero 48."

Gli allegati alla Dgr 241/2016 contengono infatti soltanto la seguente documentazione:

• Cartografia aree non idonee
• Schede aree non idonee
• Nota prot. 3980 del 28 giugno 2016
• Relazione Lr 29/2015

È evidente che - in assenza del decreto - non è possibile conoscere i criteri e l'esatta individuazione delle aree non idonee, pur essendo comunque disponibile negli allegati alla Dgr la serie di documenti utili sopra richiamata.

Segnaliamo infine che nel titolo ufficiale della Dgr 241/2016 si fa riferimento in modo erroneo alla "Lr 20 gennaio 2015, n. 29" anziché alla Lr 20 novembre 2015, n. 29.

Per ogni ulteriore approfondimento, consigliamo di consultare i succitati provvedimenti e anche il nostro Dossier Regione Sicilia, sempre aggiornato alle ultimissime novità normative.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google