Nextville - logo
News e articoli
3 Gennaio 2017

Riforma oneri generali di sistema, rinvio per non domestici e energivori

(Maria Antonietta Giffoni)

Un altro slittamento di data per la riforma degli oneri generali di sistema dell'elettricitą consumata dai clienti non domestici e per la loro rideterminazione in favore degli energivori.

Riforma tariffe per i non domestici

Il Dl 30 dicembre 2015, n. 210, aveva previso che l'Autorità adeguasse "la struttura delle componenti tariffarie relative agli oneri generali di sistema elettrico applicate ai clienti dei servizi elettrici per usi diversi da quelli domestici ai criteri che governano la tariffa di rete per i servizi di trasmissione, distribuzione e misura".

In altri termini, il decreto-legge dà mandato all'Autorità di prevedere che gli oneri generali di sistema (cioè i costi per sostenere attività di interesse generale per il sistema elettrico), pagati dai clienti non domestici, non debbano essere più legati ai consumi effettivi di energia, ma debbano essere simili alla struttura delle tariffe di rete, con costi fissi per la trasmissione, distribuzione e misura dell'energia elettrica.

Tale adeguamento delle tariffe doveva essere applicato a partire dal 1° gennaio 2016. Il Decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244 (cosiddetto "Milleproroghe", vedi Riferimenti in basso) lo ha fatto ora slittare di due anni, e cioè al 1° gennaio 2018.

Rideterminazione oneri di sistema per gli energivori

L'articolo 39 del Dl 83/2012 (convertito in legge 134/2012) aveva introdotto nuovi criteri di imposizione fiscale sui prezzi dell'energia elettrica e del gas per le imprese a forte consumo di energia. La stessa norma aveva previsto anche che, su indirizzi del Ministro dello sviluppo economico, l'Autorità per l'energia rideterminasse i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema elettrico ed i criteri di ripartizione dei medesimi oneri a carico dei clienti finali, con l'obiettivo "di adeguare il nostro sistema di agevolazioni fiscali e para-fiscali al modello contenuto nella direttiva 2003/96/Ce e già introdotto nei principali Paesi europei, a favore delle attività produttive ad alta intensità energetica e a vantaggio della competitività internazionale del sistema produttivo".

Il Dl 30 dicembre 2015, n. 210 aveva stabilito che tale rideterminazione dovesse essere applicata dal 1° gennaio 2016. Il Milleproroghe ha fatto slittare, anche in questo caso, l'applicazione della norma di due anni: l'Autorità per l'energia dovrà rideterminare i corrispettivi a copertura degli oneri generali di sistema a favore degli energivori a partire dal 1° gennaio 2018.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google