Nextville - logo

News e articoli

5 Gennaio 2017
Veneto: precisazioni e chiarimenti sulla VIA “postuma”
(Filippo Franchetto)

Con Dgr n. 1979 del 6 dicembre 2016, la Regione Veneto fornisce alcuni chiarimenti e ulteriori specificazioni in merito a quanto già disposto con la Dgr n. 1020/2016.

Ricordiamo che la Dgr n. 1020 del 29 giugno 2016, in attuazione di quanto previsto dalla Lr n. 4/2016, aveva disciplinato la procedura di VIA "postuma", cioè relativa a impianti o attività per i quali all'epoca del rilascio non era stata effettuata alcuna VIA e che attualmente rientrano nel campo di applicazione delle norme vigenti in materia di valutazione di impatto ambientale.

La Dgr n. 1979/2016 precisa, tra le alte cose, che la necessità di effettuare la VIA postuma "non trova applicazione nei casi di mera proroga dei termini temporali dei provvedimenti di autorizzazione/concessione, previsti da specifica normativa di settore, che non comportino una riconsiderazione dell'oggetto dell'originaria autorizzazione/concessione, e che conseguentemente non vadano ad incidere, nella sostanza, in modo diverso sull'interesse ambientale rispetto all'originario provvedimento".

Inoltre, per eliminare possibili dubbi interpretativi in merito a quanto riportato nella Dgr 1020/2016, vengono ridefiniti i contenuti della relazione da allegarsi all'istanza, relativamente alla "Procedura per i rinnovi di autorizzazione/concessione senza nuove opere".

Per ogni ulteriore approfondimento, consigliamo di consultare i succitati provvedimenti e anche il nostro Dossier Regione Veneto, sempre aggiornato alle ultimissime novità normative.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google