Nextville - logo

News e articoli

11 Aprile 2017

APE, il campo Riferimenti puņ non essere compilato

(Maria Antonietta Giffoni)

Fino a disposizione contraria, le Regioni possono accettare l'invio di Attestati di prestazione energetica anche senza la compilazione del campo "riferimenti", richiesta a partire dal 1° aprile 2017.

Lo ha chiarito l'Enea in un comunicato stampa, dove precisa che, finchè non ci sarà "un numero significativo di APE necessari alla corretta applicazione degli algoritmi di calcolo per individuare i valori medi per tipologia di edifici", i certificatori energetici non sono obbligati a compilare il campo "riferimenti" come, invece, richiesto dal Dm 26 giugno 2015 a partire dal 1° aprile 2017.

Posto accanto alla scala di classificazione presente nella prima pagina dell'APE, tale campo deve riportare gli indici di prestazione energetica media e la classificazione di edifici simili, per tipologia e caratteristiche costruttive, all’immobile che si sta certificando, per consentire al cittadino di poter operare un confronto tra i valori di prestazione energetica del proprio edificio con il dato medio di un edificio simile. Le informazioni utili per compilarlo dovevano essere rese disponibili dall’ENEA.

Tuttavia - fa sapere l'ENEA - per attuare tale obbligo occorre "un numero significativo di Attestati di Prestazione Energetica, necessari alla corretta applicazione degli algoritmi di calcolo per individuare i valori medi per tipologia di edifici (residenziale – dai monofamiliari  ai grandi condomini; terziario – dagli uffici ai grandi esercizi commerciali; industriale) per periodo di costruzione, zona climatica e altro ancora. La disponibilità di tali Attestati è stata condizionata dalla piena funzionalità del SIAPE (Sistema informativo degli attestati di prestazione energetica), dove le Regioni riverseranno le informazioni contenute negli APE. Il SIAPE è operativo dalla metà del mese di febbraio scorso, a seguito di un importante lavoro di coordinamento e condivisione con le Regioni volto ad assicurarne la massima compatibilità con i sistemi regionali esistenti".

Conseguentemente - si legge ancora nel comunicato stampa dell'ENEA - la compilazione del campo "riferimenti", sulla base dell’analisi statistica degli APE depositati nel Sistema informativo Nazionale, sarà possibile solo a seguito di un adeguato popolamento del SIAPE stesso, come concordato dall’ENEA  con il Ministero dello sviluppo economico (Mise) e le Amministrazioni regionali.

Dunque, in attesa della disponibilità delle informazioni utili all’adempimento dell'obbligo, il campo "riferimenti" potrà non essere compilato

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google