Nextville - logo
News e articoli
19 Aprile 2017

Puglia, oltre 150 milioni di euro per l’efficientamento degli edifici pubblici

(Redazione Nextville)

La Regione Puglia ha emanato un Bando che prevede l’erogazione di contributi a sostegno della realizzazione di progetti di investimento su edifici e strutture pubbliche, volti a incrementare il livello di efficienza energetica.

Il bando ha come destinatari:

• le Amministrazioni pubbliche;
• le Aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere;
• le Amministrazioni statali.

Sono ammissibili numerose tipologie di interventi (riportate nell'Allegato 1 del Bando), tra cui segnaliamo:

• isolamento pareti, coperture, pavimenti e soffitti;
• sostituzione di impianti di climatizzazione esistenti con caldaie a condensazione, caldaie a biomassa, pompe di calore elettriche, pompe di calore a gas
• trasformazione degli edifici esistenti in "edifici a energia quasi zero - nZEB"
• installazione di impianti fotovoltaici sugli edifici, per autoconsumo
• installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling
• installazione di tecnologie di building automation
• sostituzione di corpi illuminanti comprensivi di lampade per l'illuminazione degli interni;

Non sono ammissibili interventi la cui prestazione energetica post-operam risulti inferiore alla classe energetica C (Dm 26 giugno 2015).

Le risorse destinate a finanziare il Bando ammontano complessivamente € 157.891.208. E’ stato posto un limite massimo di interventi finanziabili di € 10.000.000 per le Amministrazioni statali e di € 30.000.000 per le Aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere.

La presentazione delle domande deve avvenire esclusivamente tramite procedura telematica sul sito istituzionale www.sistema.puglia.it, dal 14 aprile 2017 al 13 luglio 2017.

Per ogni ulteriore informazione e per consultare il Bando, completo di tutta la modulistica, si vedano i riferimenti qui sotto.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google