Nextville - logo
News e articoli
1 Settembre 2017

Cina, giÓ superato il target per il fotovoltaico al 2020

(Filippo Franchetto)

La Cina ha raggiunto e superato, con oltre tre anni di anticipo, l'obiettivo di installare sul proprio territorio 105 GW di potenza solare.

Questo quanto emerge dai nuovi dati elaborati la scorsa settimana dalla società Asia Europe Clean Energy (Solar) Advisory (AECEA): con le nuove installazioni di giugno e luglio, il gigante asiatico risulterebbe essere già oltre quota 112 GW. I primi 6 mesi di quest'anno hanno portato a un aumento di potenza installata pari a 24,4 GW, confermando la Cina come indiscussa nazione leader del fotovoltaico.

Le previsioni stimano che per la fine del 2017, la nuova capacità solare installata quest'anno potrebbe raggiungere i 45 GW; per dare un’idea dell’impegno cinese nel settore, basti pensare che a fine 2016 la potenza totale fotovoltaica installata in Germania risultava pari a 41,1 GW.

Gli impressionanti numeri della Cina stanno smuovendo anche i rappresentanti dell'industria fotovoltaica europea che, preoccupati (comprensibilmente) dall'espansione asiatica, hanno di recente sollecitato l'Unione affinché l'attuale target del 27% di energia rinnovabile al 2030 sia innalzato al 35%. Secondo il Global Market Outlook 2017 dell'associazione SolarPower Europe, l'imposizione di un ambizioso obiettivo quale quello del 35% potrebbe essere l’unico modo per dare slancio, anche sul medio e lungo periodo, all’industria fotovoltaica del vecchio continente.

Naturalmente i numeri della Cina nascondono una realtà complessa e in divenire: infatti, attualmente il fotovoltaico copre solo l'1% della domanda elettrica del paese, mentre il carbone risulta ancora essere di gran lunga la fonte dominante nel mix energetico nazionale. Permangono inoltre alcune difficoltà di tipo finanziario e organizzativo, imputabili al ritardo con cui lo Stato sta erogando alle compagnie energetiche le tariffe incentivanti sull’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google