Nextville - logo
News e articoli
11 Settembre 2017

Target efficienza, il Parlamento Ue vuole il 40% al 2030

(Maria Antonietta Giffoni)

La Commissione ambiente del Parlamento europeo ha approvato l'aumento dell'obiettivo per l'efficienza energetica al 40%, contro il 30% previsto dalla Commissione Ue nella proposta di direttiva che modifica la 2012/27/Ue.

Il 7 settembre scorso, i membri della Commissione ambiente (ENVI) hanno ritenuto che, per adempiere agli obblighi che l'Unione europea ha assunto nell'ambito dell'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, l'obiettivo di efficienza energetica al 2030 dovesse essere più ambizioso. A differenza di quanto previsto dalla Commissione Ue nella Proposta di direttiva che modifica la direttiva 2012/27/Ue sull’efficienza energetica, il Parlamento ha votato per innalzare il target dal 30% al 40%. "Gli obiettivi nazionali vincolanti di miglioramento del 40% dell'efficienza energetica  - si legge nelle motivazioni - avranno numerosi benefici sul piano ambientale, economico, della salute e sociale".

Con questa votazione, il Parlamento Ue si discosta anche dalla posizione assunta dal Consiglio Ue che il 26 giugno 2017 aveva raggiunto un accordo su un obiettivo non vincolante del 30%.

La parola, ora, passa alla Commissione industria ed energia (ITRE) che dovrà esprimere la propria posizione il 28 novembre 2017 e che, certamente, dovrà tenere conto del voto della Commissione ambiente.

Ricordiamo che la Proposta di direttiva che modifica la direttiva 2012/27/Ue sull'efficienza energetica fa parte del Pacchetto per l'energia pulita presentato dalla Commissione Ue il 30 novembre 2016.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google