Nextville - logo
News e articoli
10 Novembre 2017

Homebiogas 2.0: il biogas fatto in casa

(Redazione Nextville)

Homebiogas 2.0 il nome di una apparecchiatura autonoma per la produzione di biogas ad uso di cucina, realizzato dall'azienda statunitense Kickstarter.

Si tratta di un digestore di rifiuti organici, abbastanza piccolo da trovar spazio nel giardino di una casa di campagna e che produce fino a 700 litri di gas al giorno, per un totale di 4,4 kWh di energia prodotta (equivalenti a 15,4 mega Joule).

Il gas può essere utilizzato per la cottura dei cibi attraverso una normale cucina a gas, a cui occorre cambiare semplicemente gli ugelli. Come sottoprodotto, il digestore produce circa 12 litri al giorno di percolato da usarsi come liquido fertilizzante.


Homebiogas è costituito da due comparti: uno è il digestore vero e proprio, un altro è il contenitore per il biogas. Occupa circa 2 metri quadrati e si monta in un'ora. Una volta assemblato, basta inserire i rifiuti organici (scarti vegetali e deiezioni animali) e un'attivatore dei processi di digestione anaerobica. Al resto pensano i batteri. Il biogas prodotto arriva alla cucina a una pressione di circa 10 millibar.

L'unico fattore critico è la temperatura: Homebiogas 2.0 infatti dà il meglio di sé in climi caldi, con temperature mediamente superiori ai 20°C.

Kickstarter è una piccola azienda statunitense che ha iniziato nel 2014 le prime installazioni con HomeBiogas 1.0. Le consegne del modello Homebiogas 2.0, il cui prezzo è fissato a 790 dollari (circa 680 euro), avverranno all'inizio del 2018.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google