Nextville - logo

News e articoli

22 Novembre 2017

Umbria, approvata la strategia energetico-ambientale

(Maria Antonietta Giffoni)

Per soddisfare l'obiettivo previsto dal mecccanismo di burden sharing, la Regione si dotata di uno strumento strategico per seguire e governare lo sviluppo del territorio regionale sostenendo e promuovendo la filiera energetica.

L'obiettivo assegnato alla Regione dal decreto ministeriale 15 marzo 2012, cosiddetto "Burden sharing", consiste nell'ottenimento di un valore percentuale del 13,7%, nel rapporto tra consumo di fonti energetiche rinnovabili e consumi finali lordi di energia sul territorio regionale al 2020.

Ponendo alla base questo obiettivo programmatico, la strategia energetico ambientale approvata con la Deliberazione 205/2017, si incentra su 3 principali linee d'azione:

incrementare la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili e diminuire il consumo finale, raggiungendo e superando gli obiettivi ambientali definiti dal Pacchetto europeo Clima-Energia 2020 (cosiddetto "20-20-20"). Tutte le scelte di politica energetica quindi mireranno a migliorare gli standard ambientali e di decarbonizzazione;

sviluppare la filiera industriale dell'energia, favorendo la crescita economica sostenibile dell'intera regione;

migliorare la governance del sistema, individuando le diverse priorità d'azione.

La predisposizione del documento finale ha visto un percorso partecipativo con tutti i diversi soggetti interessati, dagli Enti locali, alle categorie produttive, alle forze sociali, alle associazioni ambientaliste, alle istituzioni e centri di ricerca, finalizzato a garantire un confronto aperto che ha portato alla definizione delle politiche energetiche da intraprendere e degli obiettivi da perseguire attraverso gli altri strumenti della programmazione regionale, comunque connessi con la strategia.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la strategia nei Riferimenti qui in basso.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google