Nextville - logo

News e articoli

13 Giugno 2018

Deposito e visura APE, nuovo sistema informatico in Friuli Venezia Giulia

(Redazione Nextville)

Il 20 giugno 2018 viene attivato il nuovo Servizio Regionale per il deposito e la visura degli Attestati di Prestazione Energetica (SIRAPE) che sostituirą l'attuale servizio applicativo Catasto APE.

Come stabilito dalla legge regionale 6 febbraio 2018, n. 3 "gli attestati di prestazione energetica degli edifici sono esclusivamente depositati sul registro telematico della Regione".

In attuazione della norma è stata previsa un'applicazione informatica denominata SIRAPE e realizzata da Insiel, la società ICT in house della Regione Friuli Venezia Giulia, che ha acquisito dal 2016 parte delle funzioni della vecchia Agenzia regionale per l'edizia sostenibile - ARES.

Dal 20 giugno 2018 il portale SIRAPE sarà pienamente operativo e permetterà anche la visura e lo scarico degli attestati da parte di notai, dipendenti di studi notarili e dipendenti di Enti pubblici.

"Per utilizzare il nuovo servizio - precisa la Regione in un avviso - è necessario che i certificatori, i notai, i funzionari della PA e i loro tecnici designati completino la procedura di Registrazione al più presto, considerando che la verifica dei dati inseriti per ottenere l'accreditamento, e quindi l'accesso all'area riservata di SIRAPE FVG per il deposito e la visura degli APE, è un processo amministrativo e come tale può durare fino a 30 giorni per avere esito".

L'accesso dei Soggetti accreditati a SIRAPE FVG può avvenire via:

• SPID - sistema nazionale di login (scelta consigliata)

• LoginFVG con modalità standard o avanzata

A partire dalle ore 13:00 del 15 giugno 2018 non sarà più possibile utilizzare l'attuale Catasto APE (http://ape2015.aresfvg.it).

La Regione fa presente, infine, che dalle ore 13:00 del 15 giugno alle ore 9:00 del 20 giugno 2018 non sarà possibile effettuare deposito di APE.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google