Nextville - logo

News e articoli

20 Novembre 2018

Incentivo sostitutivo CV, annullata la Convenzione GSE

(Maria Antonietta Giffoni)

Il Tar del Lazio ha annullato la Convenzione per il riconoscimento delle tariffe incentivanti sostitutive dei Certificati Verdi, sottoscritta dai proprietari di impianti a fonti rinnovabili con il Gestore dei servizi energetici.

L'articolo 19 del Dm 6 luglio 2012 aveva stabilito le modalità con cui, a partire dal 2015, gli impianti che usufruivano dei Certificati Verdi sarebbero stati remunerati con nuove tariffe incentivanti. In altri termini, i soggetti che avevano già maturato il diritto ai CV conservavano il beneficio per il restante periodo agevolato, ma in una forma diversa.

Per attuare quanto disposto dal decreto, il GSE aveva predisposto una Convenzione che i soggetti responsabili degli impianti dovevano sottoscrivere attraverso l’applicativo GRIN (Gestione Riconoscimento Incentivo).

Molti operatori si sono rivolti al TAR Lazio per impugnare tale Convenzione, perchè "nessuna norma consente al Gse di subordinare l’erogazione dell’incentivo ... alla stipula di una convenzione, né di stabilire un procedimento di validazione dei dati dell’impianto".

Con una serie di sentenze, tra cui la Sentenza del 19 novembre 2018, n. 11153 disponibile nei Riferimenti in basso, i Giudici hanno accolto il ricorso degli operatori, annulando la Convenzione GSE.

Secondo i Giudici, infatti, il legislatore "si è limitato a rimettere, al normatore secondario, con formulazione generica, la fissazione delle modalità di 'commutazione' del vecchio diritto in quello nuovo, senza tuttavia specificare (come sarebbe stato necessario, qualora l'avesse voluto) che, tra quelle modalità, dovesse essere necessariamente prevista la stipula di una convenzione". Quindi, di fatto, quando il GSE ha imposto "al titolare degli impianti già ammessi a beneficiare dei Certificati Verdi la sottoscrizione di una 'convenzione' (insieme alla procedura di 'validazione' dei dati dell'impianto), ai fini di poter ottenere la 'commutazione' del diritto agli incentivi nelle nuove forme derivanti dall'applicazione della tariffa incentivante, ha agito in carenza di potere".

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google