Nextville - logo

News e articoli

19 Dicembre 2018

Cumulabilità Conto energia e Tremonti ambiente: competenza è del MiSE

(Filippo Franchetto)

Non spetta all'Agenzia delle entrate, benś al Ministero dello sviluppo economico, il compito di valutare eventuali limiti di cumulabilità tra le tariffe incentivanti del Conto energia e la detassazione ambientale prevista dalla "Tremonti ambiente".

Con risposta n. 114 del 18 dicembre 2018 al questo posto da una società in merito alla cumulabilità tra IV Conto energia e Tremonti ambiente, l'Agenzia delle entrate - ricordando quanto già affermato nella risoluzione n. 58/E del 20 luglio 2016 - ribadisce di non essere competente a pronunciarsi.

Nell'affermare che "la disciplina degli incentivi relativi al conto energia rientra nella competenza del Ministero dello sviluppo economico", l’Agenzia ricorda che in ogni caso l'incompatibilità tra III, IV e V Conto energia e Tremonti ambiente è stata confermata dal GSE con un comunicato del 22 novembre 2017. Comunicato nel quale si precisava anche che, per continuare a godere della tariffa incentivante, fosse necessario "rinunciare al beneficio fiscale goduto", inoltrando la richiesta al GSE entro il 22 novembre 2018 (scadenza poi prorogata al 31 dicembre 2019).

Dal momento che la rinuncia è fruibile attraverso il meccanismo della variazione in diminuzione dell’imponibile, da operare in sede di dichiarazione dei redditi, la società istante – ricorda l’Agenzia – può avvalersi innanzitutto dello strumento della dichiarazione integrativa. Se invece la società ha usufruito dell’agevolazione presentando un’istanza di rimborso dell’imposta versata, dovrà rinunciare al rimborso, sempreché lo stesso non sia stato ancora erogato. Qualora le dichiarazioni presentate non siano più integrabili per decorso del termine oppure qualora i rimborsi siano già stati erogati, la posizione fiscale della società "deve ritenersi definitiva".

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google