Nextville - logo

News e articoli

15 Gennaio 2019

GSE deve dare sempre riscontro a richieste di riesame

(Filippo Franchetto)

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 241/1990, il Gestore dei servizi energetici ha l'obbligo giuridico di dare riscontro alle istanze con cui una societÓ chiede sia riesaminato un provvedimento di decadenza e revoca della qualifica IAFR.

Con sentenza n. 12591 del 20 dicembre 2018, il Tar del Lazio si è occupato del caso di un'impresa titolare di un impianto eolico, nei cui confronti il GSE aveva disposto la "decadenza e comunque la revoca" della qualifica IAFR e dunque la decadenza dal regime incentivante, a seguito della informativa interdittiva antimafia resa dal Prefetto.

Con reiterate istanze, la società ha chiesto al GSE di riesaminare il provvedimento di decadenza e revoca della qualifica IAFR, riammettendo il parco eolico agli incentivi a far data dall'adozione da parte del Prefetto di una successiva informativa liberatoria, ottenuta una volta subentrati nella gestione della società gli amministratori giudiziari.

Il Gestore, però, non ha mai dato riscontro alle istanze, venendo meno all’obbligo "di definire il procedimento, alla luce delle sopravvenienze di fatto e diritto, con un provvedimento espresso ai sensi dell'articolo 2 della legge 241/1990". Infatti, ricordano i giudici, l’obbligo giuridico di provvedere a tutti i casi di istanze formali (anche se ritenute irricevibili, inammissibili, improcedibili o infondate) trova "fondamento nel dovere di correttezza e di buona amministrazione della parte pubblica e nella legittima aspettativa del privato a conoscere il contenuto e le ragioni delle determinazioni (qualunque esse siano) dell'Amministrazione".

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google