Nextville - logo

News e articoli

20 Febbraio 2019

Autosufficienza energetica per 26 isole europee

(Maria Antonietta Giffoni)

╚ ufficialmente partita il 18 gebbraio 2019 l'iniziativa Clean Energy for EU Islands che aiuterÓ 26 isole europee a compiere la transizione verso l'energia pulita. Tra le isole selezionate anche Salina, Favignana e Pantelleria.

In Europa ci sono più di 2200 isole normalmente abitate. Per l'approvvigionamento energetico, molte di esse dipendono attualmente dai combustibili fossili.

L'obiettivo del Clean Energy for EU Islands è quello di aiutare il maggior numero possibile di isole europee a intraprendere la transizione verso l'uso delle energie rinnovabili, in modo da sganciarsi dalle importazioni di combustibili fossili e diventare autosufficienti dal punto di vista energetico.

La prima fase dell'iniziativa prevede che 6 isole, tra le 26 prescelte, sviluppino e pubblichino i loro programmi di transizione energetica entro l'estate del 2019. Le rimanenti 20 isole dovranno fare lo stesso entro l'estate del 2020.

"Le 26 isole selezionate  - ha dichiarato Dominique Ristori, direttore generale per l'energia presso la Commissione europea - mostrano un notevole potenziale per lo sviluppo di forti e durature collaborazioni multi-stakeholder per la transizione verso l'energia pulita. Seguendo questa strada, non solo diventeranno più autosufficienti, ma forniranno anche esempi stimolanti per le altre isole e l'Europa nel suo complesso. Ciò a sua volta aiuterà l'UE a raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi in ​​materia di clima ed energia".

L'esempio di Salina

Tra le isole prescelte anche Salina, Favignana e Pantelleria. Salina, tra le 6 della prima fase dell'iniziativa, ha un consumo annuo di 1.800 tonnellate di gasolio e GPL, che rappresentano oltre il 70% del consumo energetico dell'isola. Le emissioni di carbonio ammontano, invece, a quasi 6.000 tonnellate di CO2 all'anno. Inoltre, la maggior parte delle case di Salina sono state costruite prima del 1960, con prestazioni energetiche estremamente basse.
Per la sua transizione verso l'energia pulita, l'isola ha cominciato con la firma dell'Energy Action Plans nel 2013, seguito dalla creazione di piani d'azione per l'energia sostenibile, stabilendo precisi obiettivi per il 2020.
I comuni dell'isola hanno, inoltre, l'obiettivo di produrre energia localmente, sfruttando le abbondanti risorse energetiche rinnovabili presenti sull'isola e di utilizzare per il trasporto pubblico minibus elettrici alimentati da energia solare fotovoltaica.
Molto ancora c'è da fare, ma 
Clean Energy for EU Islands sosterrà Salina - come pure le altre isole - nei suoi sforzi per compiere al meglio la transizione energetica.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google