Nextville - logo

News e articoli

15 Aprile 2019

Geotermia e cibo, un connubio promettente

(Maria Antonietta Giffoni)

Utilizzare la geotermia come fonte di calore nel settore agroalimentare pu˛ aumentare la disponibilitÓ di cibo, ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, proteggere dalla volatilitÓ dei prezzi e combattere lo spreco alimentare.

Questo quanto emerge dal recente rapporto pubblicato da IRENA, dal titolo "Accelerating geothermal heat adoption in the agri-food sector". Un documento che illustra i vantaggi dell'utilizzo della geotermia per la produzione, la conservazione e la lavorazione degli alimenti.

L'energia geotermica è generalmente utilizzata per produrre energia elettrica e per il riscaldamento degli edifici. Tuttavia, se facessimo un uso più ampio della geotermia, per esempio impiegandone il calore nel settore agroalimentare, potremmo sfruttare un potenziale ad oggi inutilizzato. Attualmente - si legge nello studio - la capacità mondiale installata di impianti geotermici che producono energia elettrica è di circa 14 gigawatt (GW); una cifra che salirebbe a 70 GW, se includessimo l'uso della geotermia per la produzione di calore.

"L'incertezza delle politiche, la carenza di professionisti qualificati, le lacune normative e il mancato sviluppo di infrastrutture dedicate, impediscono un utilizzo più ampio dell'energia geotermica", hanno affermato, in un comunicato congiunto, membri e partner della Global Geothermal Alliance, la piattaforma progettata per supportare lo sviluppo della geotermia a livello globale.

Eppure l'esempio di Paesi come l'Islanda, l'Olanda e il Kenya sono sotto gli occhi di tutti. Quest'ultimo, per esempio, ha avviato una serie di progetti pilota per il riscaldamento delle serre, la pastorizzazione del latte e la climatizzazione degli allevamenti di acquacoltura; e si sta già pensando su come utilizzare la risorsa geotermica per la lavorazione di carne, latte, miele e per la conservazione delle colture post-raccolta, grazie alla refrigerazione tramite frigoriferi ad assorbimento o all'essiccazione.

E proprio per aiutare altri Paesi a sviluppare il loro "potenziale geotermico", IRENA ha redatto "Accelerating geothermal heat adoption in the agri-food sector". Attraverso esempi e migliori pratiche, il documento fornisce utili consigli e illustra i fattori chiave per diffondere l'uso della geotermia nel settore agroalimentare.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google