Nextville - logo

News e articoli

15 Maggio 2019

Eolico ad asse verticale: nuova frontiera per l'offshore?

(Filippo Franchetto)

Una serie di importanti investimenti sull'eolico ad asse verticale (VAWT), abbinato a piattaforme offshore galleggianti, potrebbe rilanciare una tecnologia che finora rimasta marginale rispetto al grande business del vento.

L'azienda svedese SeaTwirl ha recentemente annunciato l'approvazione di un brevetto relativo ad un sistema formato da una turbina VAWT installata su una piattaforma galleggiante, di cui verrà realizzato già quest'anno un prototipo da 1 MW grazie al contributo della società di logistica offshore NorSea e del gruppo belga Colruyt.  L'investimento della SeaTwirl trova fondamento scientifico in uno studio quinquennale svolto negli Stati Uniti dai Sandia National Laboratories, che hanno dimostrato come le turbine VAWT potrebbero addirittura portare ad una riduzione dell'attuale costo dell'energia eolica offshore.

Uno dei principali problemi delle attuali installazioni galleggianti di eolico offshore "tradizionale", ad asse orizzontale (HAWT), è dovuto al fatto che i componenti più pesanti della turbina si trovano a grandi altezze rispetto al livello dell'acqua. Questo crea forti effetti di sbilanciamento sulla piattaforma, che devono essere limitati ad esempio mediante l'aggiunta di massa nella sottostruttura. Nel VAWT progettato dalla SeaTwirl, tutti i componenti pesanti si trovano nella parte bassa della turbina; un fattore che può contrbuire non soltanto a renderla più stabile, ma anche a facilitare (rendendole quindi più economiche) le operazioni di manutenzione e riparazione.

Addirittura, sono stati calcolati possibili miglioramenti dell'efficienza installando due turbine VAWT al di sopra di un'unica piattaforma. Questo ridurrebbe i costi di cablaggio e potrebbe rappresentare la soluzione ideale per gli ambienti acquatici più ristretti, come i laghi. Inoltre, se turbine HAWT sempre più grandi creano grossi problemi alle piattaforme galleggianti, nel caso delle VAWT invece l'aumento delle dimensioni porterebbe a vantaggi in termini di stabilità e produzione.

Non mancano naturalmente le incognite, sia tecnologiche che commerciali. L'incredibile sviluppo della tecnologia HAWT ha portato alla realizzazione di turbine multimegawatt, mentre le turbine VAWT hanno taglie che non superano le poche decine di kW. Un certo scetticismo è stato espresso da Bruno Geschier, responsabile vendite e marketing del produttore di fondazioni galleggianti Ideol: "Ci vorranno decenni di tempo e miliardi di euro per avere una turbina ad asse verticale da 12 a 15 megawatt pronta per l'impiego commerciale. Le turbine ad asse orizzontale già lavorano con queste taglie e hanno dalla loro una maturità e una capacità di fabbricazione industriale difficilmente raggiungibile."

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google