Nextville - logo

News e articoli

16 Maggio 2019

Irena, le potenzialitą dell'auto elettrica nella transizione energetica

(Redazione Nextville)

La diffusione sempre pił massiccia di auto elettriche potrebbe creare una considerevole capacitą di accumulo, utile al bilanciamento delle reti elettriche e all'integrazione delle fonti rinnovabili.

Questo in sintesi quanto sostenuto da IRENA nel suo ultimo report dal titolo Innovation Outlook: smart charging for electric vehicles, in cui viene illustrato ai decisori politici come sfruttare le potenzialità offerte dall'evoluzione tecnologica che sta interessando la mobilità elettrica, per favorire la transizione energetica dalle fossili alle rinnovabili.

Se consideriamo che un'auto rimane parcheggiata per il 95% del tempo, con un'attenta pianificazione e l'adozione di opportune infrastrutture, i veicoli elettrici, se collegati alla rete, potrebbero fungere da validi sistemi di accumulo. Ma, sottolinea il report, solo se la ricarica è gestita in modo "intelligente".

"La ricarica intelligente è una delle innovazioni che IRENA sta seguendo da vicino e che presenta numerosi vantaggi. Riducendo lo stress che la ricarica delle auto elettriche potrebbe creare sulla rete, essa può rendere i sistemi elettrici più flessibili, consentendo l'integrazione di elevate quote di energia rinnovabile nelle reti esistenti e favorendo una mobilità a basse emissioni di C02", afferma Dolf Gielen, direttore dell'Innovation and Technology Centre di IRENA.

Per esempio, un sistema avanzato di ricarica intelligente, denominato Vehicle-to-Grid (V2G), consente ai veicoli elettrici non solo di prelevare energia dalla rete, ma anche di immetterla. La tecnologia V2G può far addirittura guadagnare denaro ai proprietari di auto elettriche, fornendo servizi ausiliari alla rete.

"Ne abbiamo visto un esempio nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e in Danimarca", afferma Francisco Boshell, analista di IRENA. "Ad esempio, dal 2016, Nissan, Enel e Nuvve hanno avviato dei progetti pilota di gestione dell'energia che hanno consentito ai proprietari di veicoli elettrici di operare come hub ... e di guadagnare denaro, immettendo nella rete l'energia accumulata tramite i caricabatterie bidirezionali di Enel".

La larga diffusione di veicoli elettrici (EV) a cui assisteremo nei prossimi anni - si stima che nel 2050 ci saranno più di 1 milardo di auto elettriche in circolazione - può rappresentare un punto di svolta per la transizione energetica e la mobilità sostenibile. IRENA invita i decisori politici a coglierne le opportunità.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google