Nextville - logo

News e articoli

31 Maggio 2019

Biomasse e smart grid protagoniste della ricerca in Italia

(Maria Antonietta Giffoni)

Nel centro di ricerca Trisaia dell'ENEA verrą sviluppato il progetto BLAZE per produrre elettricitą con le biomasse, senza emissioni e a basso costo. Sempre l'ENEA presiederą il 12° CTN dedicato a smart grid e solare a concentrazione.

Energia da biomasse senza emissioni e a basso costo

L'ENEA ha dato il via al progetto BLAZE che ha come obiettivo quello di "sviluppare impianti a biomassa per produrre energia elettrica senza emissioni a meno di 0,10 €/kWh, con un’efficienza più che doppia rispetto alle tecnologie attuali (dal 20% al 50%) e a costi molto contenuti in termini di investimento ed esercizio".
Il progetto sarà finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e sarà incentrato sul'utilizzo della cogenerazione, che accoppia la gassificazione "a letto fluidizzato" con le celle a combustibile SOFC – (Solid Oxide Fuel Cell). L'obiettivo è valorizzare i residui della manutenzione di boschi, foreste e verde urbano, gli scarti agricoli e agroindustriali e la frazione organica secca dei rifiuti solidi urbani.
Nei laboratori del Centro Ricerche di Trisaia i ricercatori ENEA si occuperanno di selezionare gli scarti e i residui con le maggiori potenzialità energetiche nell’impiego di questo tipo di tecnologia.
"Attraverso l’utilizzo di metodi primari per la riduzione del carico di contaminanti direttamente nella fase di attuazione del processo di gassificazione - spiega la ricercatrice ENEA Donatella Barisano -, cercheremo di individuare materiali in grado di contribuire alla produzione di una corrente gassosa di alta qualità, in termini di composizione e potere calorifico, e di basso grado di contaminazione".
Nei laboratori del Centro Ricerche ENEA di Casaccia verranno, invece, testate le prestazioni delle celle a combustibile SOFC in funzione della qualità del gas utilizzato.

2 milioni di euro per smart grid, accumulo e solare a concentrazione

I Cluster Teconologici Nazionali (CTN) sono stati lanciati nel 2012 a presidio di ambiti tecnologici prioritari, sui quali il Governo intende concentrare gli sforzi di politica di ricerca industriale. Al momento ne esistono 12 e uno di essi è dedicato all'energia.
Ieri l'ENEA ha annuciato l'avvio operativo del Cluster Energia, di cui presiederà il Consiglio Direttivo composto da Eni, Enel, Terna, GE, CNR, RSE, EnSiEL, Lombardy Energy Cleantech Cluster.
I primi due progetti-pilota approvati e finanziati con circa 2 milioni di euro complessivi riguardano lo sviluppo di tecnologie per smart grid e accumulo energetico da un lato e la produzione di energia elettrica e termica da solare a concentrazione dall’altro.
In futuro ne verranno realizzati altri "su tutte le tematiche dell’innovazione nel campo dell’energia su scala metropolitana/regionale" ha dichiarato Gian Piero Celata, presidente del Cluster e direttore del dipartimento Tecnologie energetiche dell’ENEA.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google