Nextville - logo

News e articoli

7 Giugno 2019

Biometano da agro-industria, inaugurato il primo impianto italiano

(Filippo Franchetto)

Ieri, 6 giugno 2019, la cooperativa vitivinicola Caviro di Faenza (RA) ha immesso in rete il primo meto cubo di gas rinnovabile di origine agro-industriale. Si tratta di un momento storico per l'agricoltura italiana.

Ottenuto tramite upgrading con tecnologia a membrane, il biometano è ricavato dal biogas generato con la digestione anaerobica dei sotto-prodotti del ciclo produttivo della cooperativa e da reflui di allevamenti della zona. Essendo ricavato esclusivamente a da scarti e sottoprodotti, il biometano prodotto non sottrae in alcun modo superficie coltivabile alle produzioni alimentari ed è quindi classificato come "biometano avanzato".

"Caviro - ha commentato Piero Gattoni, presidente CIB (Consorzio Italiano Biogas) - è un esempio virtuoso di coesistenza tra agricoltura e produzione di gas rinnovabile che mi auguro potrà essere presto seguito da altri. Gli investimenti delle aziende italiane del settore in attività di ricerca e sviluppo e il supporto attivo del CIB, che da sempre favorisce le sinergie e il trasferimento tecnologico tra il mondo dell’industria e quello dell’agricoltura, stanno dando i risultati auspicati. Il biometano è un biocarburante avanzato che può giocare un ruolo primario nella transizione energetica e non solo. L’esempio di Caviro dimostra come la cooperazione e il modello di azienda circolare possano essere un prototipo vincente per rafforzare la competitività del settore agroindustriale e per contribuire alla decarbonizzazione del settore energetico favorendo, al contempo, la tutela ambientale".

L'impianto verrà presentato al pubblicato sabato 8 giugno, a partire dalle ore 15, presso l’Oasi delle Cicogne di Faenza (via Convertite 7).

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google