Nextville - logo

News e articoli

14 Agosto 2019

La Puglia vara il reddito energetico

(Maria Antonietta Giffoni)

Incentivi fino a 8.500 euro per impianti a fonti rinnovabili e sistemi di accumulo in favore di famiglie con disagio socio-economico, di quelle numerose, di giovani coppie, nuclei familiari con persone affette da handicap o invaliditā, ecc.

Con la legge 9 agosto 2019, n. 42, la Regione Puglia ha istituito il "reddito energetico regionale", con l'obiettivo di "favorire la progressiva diffusione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile presso e a servizio delle utenze residenziali domestiche o condominiali".

In particolare, la legge ha previsto l'erogazione di:

• un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 6.000 euro, per ciascun intervento di acquisto e installazione di impianti fotovoltaici o solari termo-fotovoltaici, oppure ancora di impianti microeolici. Il 20% di questo contributo potrà essere, eventualmente, utilizzato per l’acquisto e l’installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria;

• un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 8.500 euro per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo.

Possono beneficiare di questi contributi i proprietari o usufruttuari a vario titolo di unità abitative indipendenti o di unità abitative facenti parte di condomìni.
Possono accedere al contributo anche i condomìni, per le utenze relative ai consumi di energia elettrica per il funzionamento degli impianti a uso condominiale.

Nell'erogazione del contributo saranno favoriti:

• i nuclei familiari in condizioni di disagio socio-economico valutate sulla base del valore dell’indicatore ISEE;
• i nuclei familiari composti da cinque o più componenti, le giovani coppie e i nuclei familiari formati da anziani che abbiano superato il sessantacinquesimo anno d’età, nonché i nuclei familiari con più di due figli minori;
• i nuclei familiari con almeno un componente affetto da invalidità o handicap riconosciuti dalle autorità competenti.

I beneficiari della misura hanno diritto all’autoconsumo gratuito dell’energia elettrica prodotta attraverso gli impianti, mentre i proventi dello Scambio sul posto andranno alla Regione.

Le modalità attuative dovranno essere stabilite da un Regolamento che dovrà essere emanato entro il 20 febbraio 2020. Vi terremo informati.

Per rimanere aggiornati sulle novità di Nextville vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter quindicinale gratuita. Iscriviti qui.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google