Nextville - logo

News e articoli

19 Settembre 2019

Decreto-legge 'Clima' ecco i contenuti della bozza

(Filippo Franchetto)

Riduzione dei sussidi alle fonti fossili, misure per la mobilitÓ sostenibile e agevolazioni fiscali per l'acquisto di prodotti sfusi e alla spina. Queste e molte altre novitÓ nello schema di decreto-legge, fortemente voluto dal ministro Sergio Costa.

Una delle disposizioni più interessanti (e destinata a far discutere) riguarda la riduzione, a partire dal 2020, di un 10% annuo delle spese fiscali dannose per l’ambiente indicate nel "Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi", con l'obiettivo di annullarle completamente entro il 2040. Tra le 160 voci che compongono il Catalogo, il cui valore ammonta a 19,3 miliardi di euro, le più importanti riguardano le agevolazioni per i carburanti.

Il provvedimento inoltre introduce alcune misure a sostegno della mobilità sostenibile. Viene istituto un programma sperimentale (massimo 200 milioni l'anno) che consentirà, ai cittadini residenti nelle città metropolitane che non rispettano gli obblighi europei sulla qualità dell’aria, di beneficiare di un credito fiscale corrisposto mediante un titolo di spesa pari 2.000 euro, a fronte della rottamazione di un'autovetture omologata fino alla classe Euro 4. Il credito potrà essere utilizzato entro i successivi 5 anni per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico, inclusi i servizi di sharing mobility con veicoli elettrici o a zero emissioni, anche in favore dei familiari conviventi.

Altra importante novità è l'introduzione, nello Studio di impatto ambientale (SIA) da allegare alla VIA, dell'obbligo di redigere "un’analisi della coerenza dell’opera ai fini dei cambiamenti climatici nell’intero ciclo di vita, al fine di valutarne la neutralità climatica anche mediante interventi di compensazione ove necessario". Da segnalare anche l'istituzione, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, di una "Piattaforma per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell’aria", che tra gli obiettivi avrà anche quello di "monitorare gli investimenti inerenti la mobilità sostenibile e lo stato di attuazione dell’abbandono delle fonti fossili di produzione di energia, in coerenza con quanto indicato dal Piano nazionale integrato per l’energia e il clima".

Il decreto-legge prevede ulteriori misure, tra cui l'introduzione di agevolazioni fiscali sui prodotti sfusi e alla spina, l’incentivazione del trasporto a domicilio di prodotti, azioni per il rimboschimento, l'istituzione di "zone economiche ambientali" a regime economico speciale nei parchi nazionali, oltre che una serie di disposizioni riguardanti il settore dei rifiuti.

La bozza del provvedimento, consultabile nei Riferimenti qui sotto, non è ancora approdata in Consiglio dei Ministri e sarà quindi suscettibile di modifiche (anche radicali) prima della sua approvazione.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google