Nextville - logo

News e articoli

31 Ottobre 2019

APE e rapporto di efficienza, novitą in Liguria

(Maria Antonietta Giffoni)

La Regione ha introdotto nuove prescrizioni sulle ispezioni relative alla conformitą dell'APE e nuove sanzioni per inadempienze dei manutentori relative alla mancata trasmissione del rapporto di efficienza energetica degli impianti termici.

Il Regolamento regionale 14 ottobre 2019, n. 5 ha modificato in vari punti il Regolamento regionale n. 1/2018 recante norme in materia di Attestati di prestazione energetica degli edifici e criteri per l'esercizio, il controllo, la manutenzione e l'ispezione degli impianti termici. Vediamo le modifiche più significative.

Controlli e ispezioni sulla conformità dell'APE

Secondo quanto stabilito dal Regolamento regionale 21 febbraio 2018, n. 1, gli attestati da sottoporre a verifica vengono individuati in modo casuale mediante sorteggio. In base a specifici criteri, alcuni attestati vengono sottoposti a verifica con sopralluogo. In un primo momento la Regione aveva previsto che, nel caso in cui non fosse data disponibilità per il sopralluogo, venisse avviata una procedura per rendere nullo l'Attestato. Con la modifica apportata dal Regolamento n. 5/2019, la mancata disponibilità equivale "ad esito negativo della verifica" e comporta la decadenza immediata dell’APE.
Nuove misure sono previste anche per la pubblicazione dell'elenco degli Attestati estratti. Per maggiori informazioni, invitiamo i lettori a consultare i Riferimenti in basso.

Sanzioni per mancata trasmissione del rapporto di efficienza

Ricordiamo che, secondo quanto disposto dall'articolo 8 del Dpr 74/2013, sono soggetti a controllo di efficienza energetica gli impianti termici di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale non minore di 10 kW e gli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale non minore di 12 kW.
Il manutentore ha l'obbligo di trasmettere il rapporto alla Regione. In un primo momento, la Regione aveva previsto che le sanzioni da applicare in caso di mancata trasmissione fossero quelle previste dal Dlgs 192/2005. Il nuovo regolamento prevede una sanzione amministrativa compresa tra 100 e 900 euro in capo al manutentore per la mancata trasmissione al catasto degli impianti termici regionale (CAITEL) del rapporto medesimo. La stessa multa è applicata anche nel caso in cui il rapporto sia stato redatto ma non inviato nei termini di legge.

Il nuovo regolamento contiene anche novità in materia di ispezione e controllo degli impianti termici. Per ogni ulteriore informazione, consultare i Riferimenti in basso.

Le nuove misure entraranno in vigore il 14 novembre 2019.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google