Nextville - logo

News e articoli

11 Novembre 2019

GECO, nasce la comunità energetica di quartiere

(Filippo Franchetto)

Il quartiere Pilastro-Roveri di Bologna sarà protagonista di un progetto di gestione comunitaria dell'energia, che consentirà di ridurre le distanze tra produzione e consumo promuovendo l’autoconsumo e/o lo scambio interno di energia prodotta in loco.

GECO (Green Energy COmmunity) è un progetto che coinvolge un insieme di soggetti, pubblici e privati, accomunati da un obiettivo condiviso: testare e sviluppare soluzioni innovative per rendere il sistema energetico locale più efficiente e resiliente, puntando sulla figura dei prosumers, cittadini che, svincolandosi dal ruolo di consumatori passivi, svolgeranno un ruolo attivo nel processo di creazione, produzione, distribuzione e consumo dell’energia.

L'AESS (Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile della Provincia di Modena) è il soggetto coordinatore del progetto, a cui fanno riferimento una serie di attori: UniBo, ENEA, l'Agenzia Locale di Sviluppo Pilastro/Distretto Nord-Est e il CAAB (Centro Agro Alimentare di Bologna), insieme alla comunità di cittadini e imprese che decideranno di aderire al progetto. A questi si aggiunge il finanziatore del progetto, Climate-Kic, la comunità nata per diffondere la conoscenza, promuovere l’innovazione nella sfida ai cambiamenti climatici e favorire lo sviluppo e la creazione di una società low carbon.

L'idea della "comunità energetica di quartiere" nasce dalla consapevolezza che, sulla base di quanto previsto dalla direttiva n. 2001/2018/Ue in materia di regolamentazione dell’autoconsumo e delle comunità di energia rinnovabile, in futuro sarà sempre più comune vedere soggetti/utenti unirsi in comunità basate sull’autoconsumo elettrico e sulla condivisione dell’energia prodotta. E andando oltre i meri aspetti tecnico/economici, le comunità di energia rinnovabile potranno rappresentare uno strumento efficace per le situazioni di disagio sociale, sia in termini di garanzia della fornitura energetica sia in termini di opportunità occupazionali nei territori.

Tra i compiti che si è dato il progetto GECO c'è anche quello di supportare il recepimento nazionale della direttiva europea, attraverso la creazione di un tavolo nazionale sulle comunità energetiche. Il progetto, cominciato nel settembre del 2019, si concluderà nell’agosto 2022, per un periodo complessivo di 35 mesi.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google