Nextville - logo

News e articoli

10 Gennaio 2020

Ancora 4 anni per variare la potenza del contatore con costi agevolati

(Redazione Nextville)

Arera ha prorogato fino al 31 dicembre 2023 le tariffe agevolate per i clienti domestici che vogliono variare il livello di potenza del proprio contatore.

La proroga è stata introdotta con la delibera 27 dicembre 2019, n. 568/2019/R/eel, in particolare dal Testo integrato delle condizioni economiche per l'erogazione del servizio di connessione (TIC), allegato alla delibera stessa.

Ricordiamo che dal gennaio del 2017, i clienti domestici hanno la possibilità di modulare la potenza del contatore sia in aumento che in diminuzione, con variazioni di 0,5 kW fino a 6 kW, di 1 kW da 6 a 10 kW; tra 10 kW e 30 kW sono, invece, consentite variazioni di 5 kW.

Per agevolare i clienti domestici che vogliono aumentare la potenza del contatore - per adottare, ad esempio, apparecchiature più efficienti come le pompe di calore, le piastre a induzione ecc. - , l'Autorità ha previsto l’azzeramento del contributo in quota fissa a copertura degli oneri amministrativi dovuti al distributore per le richieste di variazione di potenza e la riduzione di circa il 20% del contributo in quota potenza, per gli aumenti fino a 6 kW.

Invece, per le riduzioni di potenza, l’unico costo applicabile è quello dovuto al venditore.

Ecco i costi applicati:

  Fino al 31 dicembre 2023 (euro/kW)
Contributo fisso distributore 0
Contributo in quota potenza per ogni kW di incremento (fino a 6 kW) 55,66
Contributo in quota potenza per ogni kW di incremento (oltre i 6 kW) 69,57
Contributo in quota potenza per ogni kW in diminuzione 0
Contributo dovuto al venditore (il dato riportato si riferisce ai clienti in maggior tutela. Per i clienti del mercato libero, il costo varia a seconda del fornitore) 25,86
Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google