Nextville - logo

News e articoli

20 Maggio 2020

La Campania disciplina le piccole utilizzazioni di calore geotermico

(Redazione Nextville)

Con regolamento 18 maggio 2020, n. 6, la Regione ha introdotto alcune disposizioni relative ai procedimenti autorizzativi per le "piccole utilizzazioni locali di calore geotermico".

Il nuovo regolamento, che va a integrare il previgente regolamento n. 12/2012 sulle piccole concessioni di piccole derivazioni d'acqua, riprende la definizione di "piccole utilizzazioni locali di calore geotermico" contenuta nel Dlgs 22/2010: "quelle che consentono la realizzazione di impianti di potenza inferiore a 2 MW termici, ottenibili dal fluido geotermico alla temperatura convenzionale dei reflui di 15 gradi centigradi e ottenute mediante l'esecuzione di pozzi di profondità fino a 400 metri per ricerca, estrazione e utilizzazione di fluidi geotermici o acque calde, comprese quelle sgorganti da sorgenti per potenza termica complessiva non superiore a 2 MW termici, anche per eventuale produzione di energia elettrica con impianti a ciclo binario ad emissione nulla."

L'autorità competente per le autorizzazioni di tali tipologie di impianti è la Regione. Tra le disposizioni più interessanti, vale la pena citare quella che esclude dalle procedure regionali di verifica di assoggettabilità le utilizzazioni tramite sonde geotermiche e gli impianti di potenza inferiore a 1 MW ottenibile dal fluido geotermico alla temperatura convenzionale dei reflui di 15 gradi centigradi.

In allegato al nuovo provvedimento regionale è presente anche la modulistica per le domande di autorizzazione alla ricerca e di rilascio della concessione.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google