Nextville - logo
Normativa in cantiere
Prassi
Documentazione
Commenti e sintesi

print

Sentenza Tar Campania 13 febbraio 2012, n. 201

Impianti a fonti rinnovabili - Autorizzazione - Opposizione - Legittimazione ad agire - Mera vicinanza con l'area di costruzione dell'impianto - Insufficienza - Motivazione del danno alla sfera giuridica - Necessità

La mera vicinanza di un'abitazione a un sito individuato per la realizzazione di impianti che potrebbero avere impatti sull'ambiente, non legittima di per sé il proprietario ad opporsi ai provvedimenti di autorizzazione.
Il Tar Campania con sentenza 13 febbraio 2012, n. 201 ha dichiarato inammissibile la legittimazione ad agire in giudizio per l'annullamento dell'autorizzazione a costruire un impianto eolico ex Dlgs 387/2003 presentata dal proprietario di una casa situata nei pressi dell'area dove era stata autorizzata la costruzione dell'impianto.
Per la legittimazione ad agire non basta la mera vicinanza col sito dove sarà realizzato l'impianto, ma è necessario provare il danno alla sfera giuridica prodotto dall'impianto eolico, sia che si tratti della diminuzione del valore economico dell'area di proprietà del ricorrente, sia che si tratti di inidoneità delle prescrizioni imposte al costruttore dell'impianto in ordine alla salvaguardia della salute di coloro che vivono nelle vicinanze.

Testo vigente oggi 17/09/2019

Tar Campania
Sentenza 13 febbraio 2012, n. 201

 

Repubblica italiana

In nome del popolo italiano

 

Il Tribunale amministrativo regionale della Campania

Sezione staccata di Salerno (Sezione prima)

 

ha pronunciato la presente

 

Sentenza

 

sul ricorso numero di registro generale 277 del 2011, proposto da:

(omissis) e (omissis), rappresentati e difesi dall'avvocato (omissis),

 

contro

— Regione Campania, in persona del presidente pro tempore, rappresentato e difeso dall'avvocato (omissis);

— Comune di Laviano, Comune di Castelnuovo di Conza, Comune di Santomenna, in persona dei rispettivi sindaci pro tempore, nessuno dei quali si è costituito in giudizio;

— Comunità Montana Tanagro -Alto e Medio Sele, in persona del Presidente pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Provincia di Salerno, in persona del Presidente pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Campania, in persona del direttore pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Aeronautica Militare -Terza regione aerea — Reparto territorio e patrimonio, in persona del comandante pro tempore, non costituitosi in giudizio

— Arpac — Direzione generale, in persona del direttore pro tempore, non costituitosi in giudizio

— Asl Salerno, in persona del direttore pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Autorità di bacino Interregionale Fiume Sele, in persona del direttore pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Comando in Capo del Dipartimento marittimo dello Jonio e del canale D'Otranto, in persona del comandante pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Comando provinciale dei Vigili del fuoco della Provincia di Salerno, in persona del comandante pro tempore, non costituitosi in giudizio,

— Comando Rfc regionale Campania Ufficio affari generali – Napoli, in persona del comandante pro tempore, non costituitosi in giudizio;

 

nei confronti di

(...) Spa, in persona del rappresentante legale pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvovati (omissis);

 

e con l'intervento di

ad adiuvandum:

(omissis);

 

per l'annullamento:

1. del decreto dirigenziale n. 370 dell'8.7.2010 AGC 12 settore 4, della Giunta regionale della Campania, di autorizzazione all'installazione ed all'esercizio di un impianto eolico per la produzione di energia elettrica, proposto dalla società (...) Spa, della potenza di 9,35 MW, da ubicare nel comune di Laviano (Sa);

2. della Convenzione n. 779 prot. n. 26 gennaio 2006 stipulata tra il Comune di Laviano e la società (...) Spa, regolante la concessione a favore della società Energia spa ora (...) Spa per la realizzazione e l'esercizio di un impianto eolico.

3. della Dgr n. 1642/2009 con la quale sono state approvate le Linee giuda per o svolgimento del procedimento di autorizzazione unica di cui all'articolo 12 del Dlgs 387/2003 per la costruzione e l'esercizio di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile ed in particolare nelle pari in cui non si tiene conto dei diritti dei terzi e del rispetto delle normative comunitarie, nazionali e regolamentari di settore richiamate e collegate;

4. di ogni altro atto o provvedimento preordinato, collegato, connesso o consequenziale, comunque lesivo dell'interesse del ricorrente.

5. per la condanna dell'amministrazione intimata al risarcimento del danno subito dal ricorrente e derivante dall'adozione e dall'esecuzione del provvedimento impugnato.

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio della Regione Campania e di (...) Spa;

Visto l'atto di intervento ad adiuvandum di (omissis);

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 3 novembre 2011 il dott. (omissis) e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

 

Fatto

1. Con ricorso notificato l'8 novembre 2010 e depositato il successivo 25 presso il Tar Campania Napoli, (omissis) e (omissis) hanno impugnato gli atti in epigrafe indicati, deducendo con un unico articolato motivo i seguenti diversi profili di censura: violazione e falsa applicazione dell'articolo 12, commi 1, 3, 4, Dlgs 387/2003; articolo 14, commi 7, 8, e 9, legge n. 241/1990; articoli 11 e 16 Dpr 327/2001, in materia di espropri; Dlgs 42/2004 in materia di vincoli paesaggistici; violazione del Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Salerno; violazione della legge 16/2004; violazione degli articoli 3, 4, 29, 32, 35, 41, 97 e ss. Costituzione; violazione e falsa applicazione legge n. 59/1994 e Dpr n. 283/1999; eccesso di potere, erronea determinazione e falsità dei presupposti in fatto ed in diritto; disparità di trattamento, carenza assoluta di istruttoria; sviamento di istruttoria, travisamento, difetto di motivazione, perplessità, apoliticità, violazione del giusto procedimento, ingiustizia manifesta.

Ha chiesto l'annullamento degli atti impugnati ed il risarcimento dei danni patiti, vinte le spese.

2. Si sono costituite in giudizio la Regione Campania e la controinteressata (...). Con rispettive memorie hanno eccepito l'inammissibilità del ricorso e comunque la sua infondatezza nel merito.

A seguito di eccezione di (...), con ordinanza n. 196 del 10 febbraio 2011, il Presidente del Tar Campania ha disposto la trasmissione del fascicolo alla Sezione staccata di Salerno, per il seguito di competenza, avendo ritenuto che i provvedimenti impugnati rivestono efficacia nella provincia di Salerno.

Il ricorso è stato quindi depositato presso la segreteria del Tar di Salerno il 18 febbraio 2011.

Il sig. (omissis) ha dispiegato intervento ad adiuvandum depositando documenti.

La causa, iscritta a ruolo della camera di consiglio del 3 marzo 2011, è stata rinviata all'udienza pubblica del 3 novembre 2011, data in cui è stata trattenuta per la decisione.

 

Diritto

1. Il ricorso è inammissibile per carenza di legittimazione ad agire.

Secondo consolidata giurisprudenza, la mera vicinanza di un'abitazione ad un sito individuato per la realizzazione di impianti, aventi possibili impatti sull'ambiente, non legittima di per sé il proprietario frontista ad insorgere avverso i relativi provvedimenti di approvazione.

Parte ricorrente, anticipando simile rilievo, sostiene nel ricorso introduttivo la sussistenza della propria legittimazione ad agire, in qualità di proprietario di un'abitazione ubicata nei pressi del sito sul quale è prevista l'installazione dell'impianto eolico. Rileva al riguardo che il rapporto di immediata contiguità tra l'impianto e l'abitazione di proprietà del ricorrente è tale da integrare la situazione di "vicinitas" che, ai sensi dell'articolo 31, comma 9, legge 1150/1942 come modificato dall'articolo 10 legge 765/1967, sarebbe idonea a fondare la legittimazione all'impugnazione in subiecta materia (cita al riguardo Tar Campania, Salerno, Sezione II, sentenza n. 94 del 29 gennaio 2007). Rileva peraltro come l'incidenza paesaggistica di un impianto per la produzione di energia eolica nonché la creazione di zone di rispetto nelle quali siano ricomprese parti del territorio di comuni limitrofi e dalle quali discenderebbero effetti negativi in merito alla fruibilità del territorio medesimo, configurano un vulnus idoneo a fondare la legittimazione ad agire.

2. La tesi dei ricorrenti non convince.

Il ricorrente deve necessariamente provare l'esistenza del danno che subisce nella sua sfera giuridica a causa del provvedimento di approvazione dell'impianto o per il fatto che la localizzazione di quest'ultimo riduce il valore economico del fondo di sua proprietà situato nelle vicinanze o perché le prescrizioni dettate dall'autorità competente in merito alle modalità di gestione dell'impianto non sono idonee a salvaguardare la salute di coloro che vivono nelle vicinanze (Consiglio di Stato, Sezione V, 14 giugno 2007, n. 3192).

Al riguardo, si segnala che, ad avviso della giurisprudenza, l'interesse fatto valere dal proprietario non configura solo un "interesse diffuso" alla tutela di un bene comune quale il paesaggio, ma altresì un interesse personale attuale e concreto laddove egli dimostri, con documentazione agli atti, che i provvedimenti adottati dall'amministrazione, relativi all'impianto o all'opera che s'intende costruire, hanno incidenza sfavorevole, direttamente e personalmente, sulla sua posizione (Consiglio di Stato, Sezione IV, 2 ottobre 2006 n. 5760; Tar Toscana, Firenze, Sezione II, 25 giugno 2007, n. 939; Sezione III, 5 maggio 2006, n. 1953).

Nel caso specifico, parte ricorrente lamenta che il realizzando impianto eolico inciderebbe sfavorevolmente sulla sua proprietà identificata in catasto al foglio n. 24 particelle 4, 5, 6 e 7.

Il decreto regionale di autorizzazione indica tuttavia che solo la particella 7 del foglio 24 sarebbe interessata dall'iniziativa. Ciò dimostra che le eccezioni dei ricorrenti in merito all'incidenza sulla loro proprietà appaiono generiche e non esattamente definite, senza preoccuparsi di precisare né dimostrare la sussistenza di una lesione concreta, immediata ed attuale, che l'esecuzione della contestata autorizzazione unica provocherebbe sulla loro sfera giuridica.

La mancata allegazione di un danno diretto all'ambiente non consente di ritenere sussistere la legittimazione ad agire.

3. Vi è in ogni caso un ulteriore profilo d'inammissibilità del ricorso per carenza d'interesse ad agire. I ricorrenti hanno infatti omesso di impugnare i provvedimenti dai quali deriverebbero i pretesi motivi di illegittimità della contestata autorizzazione unica, adottata con decreto dirigenziale n. 370/2010.

I ricorrenti, infatti, hanno tralasciato di impugnare i seguenti provvedimenti:

— decreto dirigenziale n. 734 del 5 settembre 2008, con il quale il competente settore della Regione Campania ha espresso parere positivo di compatibilità ambientale dell'Impianto eolico;

— nota n. 4179 del 14 aprile 2010, con cui la Comunità montana del "Tanagro Alto e Medio Sele" ha autorizzato il mutamento di destinazione d'uso delle aree gravate da vincolo idrogeologico ed interessate dalla realizzazione dell'Impianto Eolico;

— nota prot. 55902 del 22 gennaio 2010dello Stap foreste Salerno, contenente il parere favorevole con prescrizioni in merito al mutamento di destinazione d'uso ai fini del vincolo idrogeologico.

Tali atti, adottati in esito alla valutazione tecnico discrezionale condotta dalle Amministrazioni competenti, costituiscono il presupposto istruttorio preliminare al rilascio dell'Autorizzazione unica regionale. Gli stessi sono ormai non più suscettibili d'impugnazione, con la conseguenza che, anche qualora l'autorizzazione unica sia annullata, le relative valutazioni tecnico-discrezionali finirebbero per riempire comunque il contenuto di un nuovo provvedimento autorizzatorio, identico a quello oggetto dell'odierna controversia.

Il Collegio è ben consapevole che, ai sensi dell'articolo 12 del Dlgs 387/2003, il procedimento per le opere volte alla realizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili è per definizione soggetto ad "autorizzazione unica", sicché tutti gli atti precedenti assumono mera valenza endoprocedimentale e, pertanto, non richiedono tempestiva impugnazione.

Tuttavia i provvedimenti presupposti sono stati adottati in esito ad una valutazione tecnico discrezionale, di volta in volta, condotta dalle Amministrazioni competenti, sicché, come chiarito dalla giurisprudenza, l'impugnativa dell'atto conclusivo a valle del procedimento è inammissibile quando non siano stati utilmente impugnati gli atti presupposti che abbiano condizionato la decisione finale; alcuna utilità rilevante è infatti ricavabile dall'annullamento dell'atto applicativo, atteso che l'Amministrazione potrebbe sempre emettere una nuova statuizione identica a quella impugnata, stante la perdurante efficacia dell'atto presupposto (Tar Piemonte Torino, Sezione II, 14 gennaio 2010, n. 200).

4. Per le ragioni sopra esposte, il ricorso va quindi dichiarato inammissibile.

La particolare natura della controversia, induce il Collegio a compensare ugualmente le spese del presente giudizio.

 

PQM

 

definitivamente pronunciando sul ricorso R.g. n. 277 del 2011, come in epigrafe proposto, lo dichiara inammissibile.

Compensa le spese.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità Amministrativa.

Così deciso in Salerno nella camera di consiglio del giorno 3 novembre 2011 con l'intervento dei magistrati:

(omissis)

 

Depositata in segreteria il 13 febbraio 2012.