Nextville - logo

Documento disponibile ai soli utenti abbonati

Per poter consultare questo documento è necessario disporre del servizio on line Osservatorio di normativa ambientale.

Se siete abbonati, fate login per farvi riconoscere dal sistema e accedere al documento.

Altre informazioni sui servizi online

Sentenza Corte di Cassazione 31 agosto 2012, n. 33588

Impianti a biogas - Articolo 184-bis, Dlgs 152/2006 - Digestato - Natura - Sottoprodotto - Condizioni

La massa sia liquida che solida residuale dal processo di digestione anaerobica per la produzione di biogas non è un rifiuto ma un sottoprodotto se utilizzata entro certi limiti e a certe condizioni.
La Cassazione penale (sentenza 31 agosto 2012, n. 33588) trova motivate le conclusioni del Tar che aveva escluso il digestato dalla nozione di rifiuto trattandosi di materiale agricolo naturale non pericoloso che il privato non intendeva abbandonare e usato per produrre biogas senza danneggiare ambiente o salute umana (articolo 185, Dlgs 152/2006), e in ogni caso riconducibile a sottoprodotto (articolo 184-bis) in quanto la parte liquida (liquido di sgrondo) era conseguenza inevitabile della produzione dell'insilato di mais, il liquido era comunque utilizzato nel processo di produzione del biogas e senza ulteriori trattamenti e aveva capacità fertilizzante.
A queste condizioni e non essendoci contaminazione di rifiuti (precedente o successiva), mancano le ragioni per ritenere che "il detentore intenda disfarsene", e quindi siamo fuori dalla definizione di rifiuto. Il digestato inteso come parte solida, infine, se le matrici organiche in ingresso nel digestore sono reflui zootecnici da soli o in miscela con altre biomasse-non rifiuto, è assimilabile agli effluenti animali (Dm 7 aprile 2006).

Parole chiave Parole chiave: Rifiuti | Energie rinnovabili | Biogas | Sottoprodotti | Biogas | Biomasse / Biocombustibili | Biomasse / Biocombustibili | Autorizzazioni | Agricoltura / Allevamento | Energie rinnovabili