Nextville - logo

Documento disponibile ai soli utenti abbonati

Per poter consultare questo documento è necessario disporre di uno dei seguenti servizi online: Osservatorio di normativa ambientale, Osservatorio di normativa energetica.

Se siete abbonati, fate login per farvi riconoscere dal sistema e accedere al documento.

Altre informazioni sui servizi online

Sentenza Corte Costituzionale 4 luglio 2013, n. 178

Territorio - Vas - Verifica di assoggettabilità - Normativa regionale - Piani e programmi di piccole dimensioni - Esonero - Violazione di norme nazionali inderogabili - Articolo 6, Dlgs 152/2006 - Illegittimità costituzionale

È illegittima la norma regionale che esclude dalla verifica di assoggettabilità alla Vas piani e programmi di piccole dimensioni, in contrasto con le previsioni nazionali del Dlgs 152/2006, inderogabili dalle Regioni.
Lo ha deciso la Corte Costituzionale che con la sentenza 4 luglio 2013, n. 178 ha bocciato la norma ligure (Lr 38/1998) che esonerava dalla verifica di assoggettabilità alla Vas piani e programmi aventi ad oggetto l’uso di piccole aree a livello locale e le modifiche minori dei piani e dei programmi se di scarso impatto sull'ambiente. Né la direttiva 2001/42/Ce né il Codice dell'ambiente (articolo 6, Dlgs 152/2006) prevedono tale esonero. La competenza in materia "tutela dell'ambiente" è esclusiva statale e la Regione non può dettare una disciplina meno restrittiva di quella statale.
La Corte ha anche cassato altre due norme della legge ligure 38/1998 in parola, in materia di verifica di assoggettabilità alla Via (valutazione di impatto ambientale) nella parte in cui non prevedono che l'avviso della avvenuta richiesta della verifica sia pubblicato anche sull'Albo pretorio dei Comuni interessati e che il provvedimento finale della verifica vada pubblicato integralmente sul sito web della Regione.