Nextville - logo

Documento disponibile ai soli utenti abbonati

Per poter consultare questo documento è necessario disporre di uno dei seguenti servizi online: Osservatorio di normativa ambientale, Osservatorio di normativa energetica.

Se siete abbonati, fate login per farvi riconoscere dal sistema e accedere al documento.

Altre informazioni sui servizi online

Sentenza Consiglio di Stato 14 ottobre 2014, n. 5092

Valutazione di impatto ambientale - Energia - Impianti eolici - Verifica di assoggettamento a Via -Valutazione impatti cumulativi degli impianti - Necessità

L'Autorità competente in materia di valutazione di impatto ambientale ai fini della sottoposizione o meno del progetto di impianto eolico alla procedura deve considerare se tale impianto ha un impatto singolo o cumulativo.
Lo ricorda il Consiglio di Stato nella sentenza 14 ottobre 2014, n. 5092. L'articolo 5 del Dlgs 152/2006, nel descrivere l'oggetto della valutazione di impatto ambientale prevede espressamente un obbligo per l'Amministrazione procedente di valutare se un impianto eolico da sottoporre eventualmente a Via abbia un impatto singolo o cumulativo, essendo la stessa ragione giustificativa della procedura a imporre di stabilire se quel determinato impianto, essendo connesso con altro, possa arrecare un pregiudizio "complessivo" all'ambiente.
I Giudici ribadiscono inoltre che sia il decreto di Via sia l'esito dello "screening" ambientale (verifica di assoggettabilità a Via) anche se inseriti all'interno del procedimento di autorizzazione unica di impianti a fonti rinnovabili (articolo 12, Dlgs 387/2003) sono atti immediatamente e autonomamente impugnabili.

Parole chiave Parole chiave: Energie rinnovabili | Via/Vas | Eolico | Eolico | Via/Vas | Autorizzazioni | Autorizzazioni | Energia | Procedure semplificate | Energie rinnovabili | Procedure semplificate