Nextville - logo
Normativa in cantiere
Prassi
Documentazione
Commenti e sintesi

Documento disponibile ai soli utenti abbonati

Per poter consultare questo documento è necessario disporre di uno dei seguenti servizi online: Osservatorio di normativa ambientale, Osservatorio di normativa energetica.

Se siete abbonati, fate login per farvi riconoscere dal sistema e accedere al documento.

Altre informazioni sui servizi online

Sentenza Tar Marche 7 gennaio 2017, n. 27

Energia - Impianto di cogenerazione a biomassa - Provvedimento di Via - Prescrizioni - Comunicazione al Sindaco ex articolo 216, T.U. leggi sanitarie - Ragioni - Classificazione come industria insalubre - Dm 5 settembre 1994 - Assimilazione delle centrali a biomassa a quelle termoelettriche - Condizioni - Valutazione in concreto della insalubrità dell'impianto - Necessità

La classificazione come "insalubre" di una centrale a biomasse (in quanto assimilabile a una centrale termoelettrica ex Dm 5/9/1994) non va fatta in modo apodittico ma solo per effettivo rischio della salubrità.
Lo ha ricordato il Tar Marche nella sentenza 7 gennaio 2017, n. 27 annullando la prescrizione contenuta in un provvedimento di valutazione di impatto ambientale della Provincia che aveva imposto al titolare di un impianto di cogenerazione alimentato a biomasse di effettuare la comunicazione al Sindaco del Comune in cui insiste l'impianto ai sensi del Testo unico delle leggi sanitarie. Il tutto in base a una nota della Azienda sanitaria che qualificava in modo apodittico ai sensi del Dm 5 settembre 1994 come industria insalubre l'impianto cogenerativo in quanto assimilabile a una centrale termoelettrica.
Per i Giudici marchigiani invece, considerato che i nuovi impianti a biomassa sono ben diversi da quelli diffusi ai tempi dell'emanazione del Dm del 1994, occorre che l'Autorità competente svolga una concreta analisi tecnica sulla idoneità dell'impianto a produrre emissioni nocive e quindi sulla sua "insalubrità" che portino a una sua classificazione tra le industrie insalubri.