Nextville - logo
  Evidenzia modifiche:

print

Ultima versione disponibile al 11/12/2019

Ministero dello sviluppo economico
Decreto 19 giugno 2017
(Avviso pubblicato sulla Gu 11 agosto 2017 n. 187)
Piano per l'incremento degli edifici a energia quasi zero

Il Ministro dello sviluppo economico

di concerto con

il Ministro per la semplificazione e la pubblica Amministrazione

il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle politiche per la coesione territoriale

il Ministro dell'economia e delle finanze

il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti

il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare

e con

il Ministro della salute

il Ministro dell'istruzione dell'università e della ricerca

Vista la direttiva 2010/31/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia;

Vista la direttiva 2012/27/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/Ce e 2010/30/Ue e abroga le direttive 2004/8/Ce e 2006/32/Ce;

Visto il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, recante recepimento della direttiva 2010/31/Ue sulla prestazione energetica nell'edilizia, di seguito decreto legislativo n. 192 del 2005;

Visto il decreto legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazione, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90;

Visto, in particolare, l'articolo 4-bis, comma 2 del decreto legislativo n. 192 del 2005, che dispone che, con decreto del Ministro dello Sviluppo economico di concerto con i Ministri per la pubblica amministrazione e la semplificazione, della coesione territoriale, dell'economia e delle finanze, delle infrastrutture e dei trasporti, dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, e con il Ministro della salute e il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, ognuno per i profili di competenza, sentita la conferenza unificata, è definito il Piano d'azione destinato ad aumentare il numero di edifici a energia quasi zero;

Visto il decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, di seguito decreto legislativo n. 102 del 2014, recante l'attuazione della direttiva 2012/27/Ue sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/Ce e 2010/30/Ue e abroga le direttive 2004/8/Ce e 2006/32/Ce;

Visto il decreto 26 giugno 2015 del Ministro dello sviluppo economico di concerto con i Ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e delle infrastrutture e dei trasporti, recante l'applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi negli edifici;

Visto il documento “Piano nazionale per incrementare il numero degli edifici ad energia quasi zero. Orientamenti e linee di sviluppo” trasmesso dal Ministero dello sviluppo economico alla Commissione europea nell'ottobre 2013;

Visto il “Piano d'azione nazionale per l'efficienza energetica 2014”, approvato con decreto 17 luglio 2014 del Ministro dello Sviluppo economico di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, pubblicato nella Gazzetta ufficiale, serie generale, n. 176 del 31 luglio 2014 e successivamente trasmesso alla Commissione europea, in attuazione dell'articolo 24, paragrafo 2 della direttiva 2012/27/Ue;

Vista la Strategia energetica nazionale, approvata con decreto 8 marzo 2013 dei Ministri dello sviluppo economico e dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare;

Considerata l'opportunità di declinare in modo più ampio e strutturato gli orientamenti e le linee di sviluppo del Piano già trasmesse alla Commissione, alla luce dell'evoluzione della “metodologia comparativa” secondo un'articolazione degli interventi e delle relative risorse che ottimizzi il rapporto “costi-benefici, al fine di incrementare il numero di edifici ad energia quasi zero tramite le misure di regolazione e di incentivazione disponibili;

Considerato altresì che l'efficienza energetica rappresenta la prima priorità d'azione della Strategia energetica nazionale e che, in ambito nazionale, il settore dell'edilizia rappresenta un elemento dalle grandi potenzialità al fine del raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico indicati dal Paese al 2020;

Ritenuto opportuno disporre una consultazione pubblica attraverso la pubblicazione on line sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, del documento di cui al precedente punto, al fine di pervenire all'approvazione dello stesso attraverso un percorso il più possibile trasparente e condiviso dalle parti interessate;

Tenuto conto delle attività di confronto tecnico tra le Amministrazioni coinvolte, nonché degli esiti della suddetta consultazione pubblica effettuata nel periodo dal 13 novembre al 4 dicembre 2015;

Sentita la Conferenza unificata che, nella seduta del 22 dicembre 2016 ha espresso parere favorevole ai sensi dell'articolo 4-bis, comma 2 del decreto legislativo n. 192 del 2005;

Decretano

Articolo 1

Approvazione

1. In attuazione di quanto disposto ai sensi dell'articolo 4-bis, comma 2 del decreto legislativo n. 192 del 2005, è approvato il documento contenente il “Piano d'azione nazionale per incrementare gli edifici ad energia quasi zero”, nel testo allegato al presente decreto e facente parte integrante dello stesso.

2. Il presente decreto è trasmesso ai competenti organi di controllo ai sensi della normativa vigente.

3. Il presente decreto è pubblicato sul sito internet del Ministero dello sviluppo economico e dello stesso è data notizia sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana.

19 giugno 2017

Allegato 1