Nextville - logo

Documento disponibile ai soli utenti abbonati

Per poter consultare questo documento è necessario disporre di uno dei seguenti servizi online: Osservatorio di normativa ambientale, Osservatorio di normativa energetica.

Se siete abbonati, fate login per farvi riconoscere dal sistema e accedere al documento.

Altre informazioni sui servizi online

Sentenza Corte Costituzionale 24 ottobre 2001, n. 344

Friuli Venezia-Giulia - Lr riapprovata il 4 ottobre 1999, recante "le procedure per i controlli e le verifiche di cui all'articolo 31, comma , legge 9 gennaio 1991, n. 10" - Disposizioni in materia di controlli degli impianti termici , energia e risparmio energetico - Controlli degli impainti termici - Controlli degli impianti di potenza inferiore a 35 kW mediante esame della documentazione (anzichè con verifiche dirette sugli impianti) e senza oneri a carico dei proprietari degli impianti in regola - Articolo 1, comma 5, terzo periodo - Contrasto con i principi della legislazione statale - Illegittimità costituzionale - Sussiste

È costituzionalmente illegittimo l’articolo 1, comma 5, terzo periodo della legge regionale del Friuli-Venezia Giulia, riapprovata il 4 ottobre 1999, in quanto tale disposizione, nel dettare norme di attuazione della legge statale (10 del 1991) in materia di controlli degli impianti termici, ha derogato alle statuizioni della stessa legge: nel prevedere, per un verso, nei confronti degli impianti di potenza inferiore a 35 Kw, verifiche mediante l’esame della documentazione, anziché direttamente – quanto meno a campione – sugli impianti e, per altro verso, stabilendo l’esclusione di oneri a carico dei proprietari degli impianti in regola.

È costituzionalmente illegittimo l’articolo 1, comma 6 della legge regionale del Friuli-Venezia Giulia, riapprovata il 4 ottobre 1999, a tenor del quale si considerano “non dovute” le somme eventualmente già percepite dai Comuni e dalle Province, riscosse in relazione alle attività di controllo e verifica sugli impianti termici (e relative all’accatastamento degli impianti con autocertificazione o alle dichiarazioni degli utenti attestanti il rispetto delle norme), in quanto tale disposizione confligge con quella della legge statale 10 del 1991 che pone “a carico degli utenti” gli oneri per le attività di controllo e verifica demandate agli Enti locali.

Parole chiave Parole chiave: Energia | Efficienza energetica | Controlli | Controlli | Efficienza energetica | Impianti termici civili | Impianti termici civili