Nextville - logo
Normativa in cantiere
Commenti e sintesi

(aggiornamento febbraio 2018)

 

Diverse sono le norme con cui la Regione Toscana promuove, incentiva e regola gli ambiti legati alle energie rinnovabili e all'efficienza energetica. Segue un quadro che raccoglie le principali norme in materia.

 

Autorizzazioni impianti a fonti rinnovabili

 

Storicamente in Toscana gli enti competenti per l'autorizzazione degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili erano le Province. Ma per effetto di quanto previsto dalla Lr 22/2015 di riordino delle funzioni provinciali, la competenza in materia di Autorizzazione unica energetica è passata dalle Province alla Regione.

L'Autorizzazione unica per gli impianti a fonti rinnovabili in Toscana è regolata dalla legge regionale 39/2005, come modificata dalla legge regionale 69/2012. A queste norme regionali si affiancano le norme nazionali (Dlgs 387/2003 e Dlgs 28/2011) nonché Linee guida nazionali (Dm 10 settembre 2010).

La Procedura abilitativa semplificata (Pas) è stata regolata dalla Lr 24 febbraio 2005, n. 39 che ha adeguato le disposizioni regionali a quanto stabilito a livello nazionale, uniformando la propria normativa nazionale sulla Pas.

In attuazione delle Linee guida nazionali, con la legge 21 marzo 2011, n. 11 la Regione ha fissato una prima individuazione delle aree non idonee alla realizzazione di impianti fotovoltaici. Con successiva Dcr n. 15 dell'11 febbraio 2013, la Regione ha indicato "i criteri di inserimento e di mitigazione dei possibili impatti ambientali, paesaggistici e faunistici degli impianti fotovoltaici a terra finalizzati al miglioramento della qualità architettonica e paesaggistica dei progetti e alla corretta realizzazione degli stessi impianti, nonché le modalità di gestione utili a garantire il corretto uso del suolo e degli impianti stessi nelle successive fasi di esercizio e di dismissione".

Con Dcr 27 marzo 2015 n. 37, la Regione ha individuato le aree non idonee e ha fornito prescrizioni per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti eolici e degli impianti a biomasse.

Con la Dgr 15 maggio 2017, n. 516  sono state approvate le Linee guida per la definizione delle aree non idonee (Ani) per l'installazione di impianti di produzione di energia geotermica.

 

Certificazione energetica degli edifici

 

La Regione Toscana non ha legiferato in materia di certificazione energetica degli edifici. Si applica quindi la normativa nazionale, che è basata sul Dlgs 19 agosto 2005, n. 192.

In applicazione delle Linee guida nazionali sulla certificazione energetica, la Regione ha stabilito che l'Attestato di prestazione energetica (Ape) può essere inviato per via telematica, utilizzando la piattaforma web Apaci, oppure via Posta elettronica certificata (Pec).

 

Pianificazione e programmazione in materia di energia

 

Il Consiglio regionale con delibera 11 febbraio 2015, n. 10 ha approvato il Piano ambientale ed energetico regionale. Il Paer è lo strumento per la programmazione ambientale ed energetica della Regione Toscana, e assorbe i contenuti del vecchio Pier (Piano indirizzo energetico regionale), del Praa (Piano regionale di azione ambientale) e del Programma regionale per le aree protette.