Nextville - logo
 

La Regione Umbria e le province

Quadro generale delle politiche energetiche

Attezione: Questa è una pagina dell'Archivio di Nextville.
Quanto contenuto nel menu di sinistra non viene più aggiornato. Per avere informazioni aggiornate sulle politiche energetiche della regione Umbria, vi invitiamo a consultare il Dossier Regione Umbria.

La Regione Umbria e le province: quadro generale delle politiche energetiche

                Superficie: 8.456 km²

                Popolazione: 895.280 ab.

                Capoluogo: Perugia

                Province: Perugia, Terni

                Comuni: 92

   

 IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI*

 FONTE

 MW INSTALLATI  N° IMPIANTI
 fotovoltaico 415,2
  11.430
 eolico 1,5  5
 idroelettrico  511,1  34
 geotermico  -  -
 bioenergie  51,8  50

*Dati GSE aggiornati al 31/12/2012

 

 BURDEN SHARING
Traiettoria degli obiettivi della Regione umbria,
dalla situazione iniziale al 2020
Obiettivo regionale per l'anno (%)  
Anno iniziale
di riferimento
2012 2014  2016 2018 2020
6,2
9,6 10,9  12,3 14,1 16,5


                                       Quadro normativo

Di seguito brevi cenni al quadro normativo della Regione Umbria in materia di energie rinnovabili ed efficienza energetica.

Misure per l'efficienza energetica

Edifici: con la Lr 18 novembre 2008, n. 17 sono state dettate norme in materia di sostenibilità ambientale degli interventi urbanistici ed edilizi (legge poi modificata dalla Lr 26 giugno 2009, n. 13, sul cd. "piano casa").
Con Dgr 27 aprile 2009, n. 581 era stato approvato il disciplinare tecnico per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici che si avvaleva di 22 schede tratte dal più recente aggiornamento del "Protocollo Itaca".
Ora con Dgr 28 settembre 2009, n. 1322 è stato approvato un nuovo disciplinare tecnico che sostituisce il precedente a partire dal 21 ottobre 2009.
Il certificato di sostenibilità ambientale di un edificio è rilasciato gratuitamente da Arpa Umbria.
Il certificato di sostenibilità ambientale non va confuso con l'Attestato di certificazione energetica degli edifici (ACE), che è invece uno dei documenti da allegare per ottenere il certificato di sostenibilità ambientale. In materia di certificazione energetica, in Umbria, dato che la Regione non ha ancora legiferato in materia, si applica la disciplina statale ex Dlgs 192/2005 e relativi decreti attuativi.

Emissioni luminose: la Regione ha adottato, con la Lr 20/2005, norme in materia di prevenzione dall'inquinamento luminoso e di risparmio energetico attuando la disciplina con il regolamento 5 aprile 2007 n. 2.

Programmazione energetica

Il Piano energetico ambientale regionale è stato approvato con Dcr 21 luglio 2004, n. 402. Con la Dgr 11 maggio 2005, n. 729 in attuazione del suddetto Piano è stato approvato l'Atto di indirizzo per l'inserimento paesaggistico ed ambientale degli impianti eolici. Si ricorda che, come ha stabilito la Dgr 18 ottobre 2006, n. 1775, nelle aree comprese all'interno delle Zps (Zone di protezione speciale) è vietata la realizzazione di nuovi impianti eolici.
Tutti i criteri di cui sopra sono stati superati dalla individuazione delle aree non idonee alla realizzazione degli impianti emanate con regolamento regionale 29 luglio 2011, n. 7, varato ai sensi delle Linee guida nazionali.
Con la Dgr 29 luglio 2011, n. 903 è stata approvata la Strategia regionale per la produzione di energia da fonti rinnovabili 2011-2013, come previsto dalla Linee guida nazionali.

Autorizzazioni

Competenze: la Lr 2 marzo 1999, n. 3 ha determinato le funzioni amministrative in capo a Regione, Province e Comuni in materia di energia, risorse geotermiche e risorse idriche.
La Lr 18 febbraio 2004, n. 1, recante norme per l'attività edilizia, integrata da successive modifiche si è occupata anche di autorizzazione unica ex Dlgs 387/2003, dapprima delegando la competenza al Comune (caso unico in Italia) in seguito, dopo le disposizioni limitative della legge finanziaria 2008 (L. 244/2007) attribuendo la competenza alla Provincia.

Autorizzazione unica:  i criteri e modalità per lo svolgimento del procedimento unico sono regolati dal regolamento regionale 29 luglio 2011, n. 7, modificato dalla Dgr 7 maggio 2012, n. 494. Con Dgr 6 dicembre 2011, n. 1466 la Regione ha approvato i moduli di Autorizzazione unica, Pas e Comunicazione al Comune da utilizzare.

Acque: con la Dgr 1° luglio 2003, n. 925 sono state dettate disposizioni in materia di concessione di derivazioni di acque pubbliche.

Per i testi di questi e degli altri provvedimenti regionali, consulta la voce Normativa regionale dal menù di destra.
Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google