Nextville - logo
 

Quinto Conto energia

Maggiorazioni e premi speciali

Questa è un una pagina dell'Archivio di Nextville. Quanto in essa contenuto non è più in vigore.

Le premialità per il made in UE, sostituzione eternit e facilitazioni per gli Enti locali

Attenzione: in data 6 giugno 2013, il contatore fotovoltaico GSE ha raggiunto quota 6,7 miliardi. Quindi, come previsto dal Dm 5 luglio 2012, il Quinto Conto energia è cessato il 6 luglio 2013.

Il Dm 5 luglio 2012 prevede una serie di casi in cui è possibile beneficiare di premialità e tariffe aggiuntive rispetto a quelle accordate alla specifica tipologia di impianto.

Premio tariffario per prodotti realizzati in UE

Gli "impianti fotovoltaici" e gli "impianti fotovoltaici con caratteristiche innovative", se sono realizzati "con componenti principali realizzati unicamente all'interno di un Paese che risulti membro dell'UE/SEE", beneficiano dei seguenti premi:

• 20 €/MWh, se entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2013;

• 10 €/MWh, se entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2014;

• 5 €/MWh, se entrano in esercizio dopo il 31 dicembre 2014.

Attenzione: il premio made in in UE e quello per la sostituzione dell'eternit sono tra loro cumulabili.

^ Torna all'inizio

Premio tariffario sostituzione eternit

Gli impianti realizzati su edifici, con moduli installati in sostituzione di coperture su cui è stata effettuata la completa rimozione dell'amianto, beneficiano dei seguenti premi:

• 30 €/MWh (per impianti fino a 20 kW) e 20 €/MWh (per impianti sopra i 20 kW), se entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2013;

• 20 €/MWh (per impianti fino a 20 kW) e 10 €/MWh (per impianti sopra i 20 kW), se entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2014;

• 10 €/MWh (per impianti fino a 20 kW) e 5 €/MWh (per impianti sopra i 20 kW), se entrano in esercizio dopo il 31 dicembre 2014.

Attenzione: il premio made in in UE e quello per la sostituzione dell'eternit sono tra loro cumulabili.

^ Torna all'inizio

Facilitazioni per Regioni ed Enti locali

Gli  impianti i cui soggetti responsabili sono Enti locali o Regioni, rientrano automaticamente nella categoria degli impianti realizzati su edifici, anche se non lo sono, e hanno quindi diritto alla tariffa superiore. L'unico requisito richiesto a tali impianti è che siano di potenza non superiore a 200 kW.

Nota bene: per Enti locali si intendono i Comuni, le Province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni.

La disposizione è contenuta all'articolo 17 del Dm e si riferisce all'attuazione di norme precedenti: infatti questa facilitazione era già in atto dall'emanazione della Finanziaria 2008 ed era contenuta, in forma leggermente diversa, anche nel Quarto Conto energia.

Articolo 17 del Dm 5 luglio 2012 - Attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 2, comma 173, della legge n. 244/2007  
1. Ai fini dell'applicazione dell'articolo 2, comma 173, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e successive modificazioni (Finanziaria 2008, ndr), gli impianti fotovoltaici i cui soggetti pubblici responsabili sono enti locali ... ovvero Regioni, sono considerati rientranti nella tipologia dell'impianto di cui all'articolo 2, comma 1, lettera g), del presente decreto.
2. Al fine di rispettare le disposizioni generali in materia di libera concorrenza e parità di condizioni nell'accesso al mercato dell'energia elettrica, le disposizioni di cui al comma 1 si applicano agli impianti di potenza fino a 200 kW.

^ Torna all'inizio

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google