Nextville - logo
 

La Regione Sardegna e le province

Quadro generale delle politiche energetiche

Attezione: Questa è una pagina dell'Archivio di Nextville.
Quanto contenuto nel menu di sinistra non viene più aggiornato. Per avere informazioni aggiornate sulle politiche energetiche della regione Sardegna, vi invitiamo a consultare il Dossier Regione Sardegna.

La Regione Sardegna e le province: quadro generale delle politiche energetiche

 

                    Superficie: 24.090 km²

                    Popolazione: 1.671.001 ab. 

                    Capoluogo: Cagliari

                    Province: Cagliari, Carbonia-
                    Iglesias, Medio Campidano, Nuoro,
                    Ogliastra, Olbia-Tempio,  Oristano,
                    Sassari


                                                                              Comuni: 377

 

 IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI*

 FONTE

 MW INSTALLATI  N° IMPIANTI
 fotovoltaico 558,2
  22.287
 eolico 988,6  47
 idroelettrico 466,7  18
 geotermico  -  -
 bioenergie  89,7  29

*Dati GSE aggiornati al 31/12/2012

 

 BURDEN SHARING
Traiettoria degli obiettivi della Regione Sardegna,
dalla situazione iniziale al 2020
Obiettivo regionale per l'anno (%)  
Anno iniziale
di riferimento
2012 2014  2016 2018 2020
3,8
8,4 10,4  12,5 14,9 17,8

                                                    Quadro normativo

La legge finanziaria regionale 2007 (Lr 29 maggio 2007, n. 2) ha dettato varie norme in materia di energia, in particolare eolica e fotovoltaica, e norme in materia di inquinamento luminoso e risparmio energetico.

Misure per l'efficienza energetica

Edifici:  la Regione non ha dettato una disciplina in materia di certificazione energetica degli edifici, dunque si applicano le norme nazionali (Dlgs 192/2005, Dpr 59/2009, Dm 26 giugno 2009).

Emissioni luminose: in attuazione della legge 2/2007, con Dgr 29 novembre 2007, n. 48/31 la Regione ha dettato le Linee guida e le modalità tecniche d’attuazione per la riduzione dell’inquinamento luminoso e acustico e il conseguente risparmio energetico.

Programmazione energetica

Il Piano energetico regionale è stato adottato dalla Regione con Dgr 2 agosto 2006, n. 34/13 e modificato con Dgr 27 novembre 2008, n. 66/24.
Nel voler promuovere lo sviluppo sostenibile e la maggiore utilizzazione e diffusione di forme energetiche rinnovabili presso tutti i Comuni della Regione, e allo stesso  tempo tutelare e preservare i valori ambientali del territorio dai possibili impatti generati dagli impianti di produzione di energia, la Giunta regionale ha previsto delle Linee guida per la regolamentazione delle installazioni di tali tipi di opere.

Impianti eolici: con Dgr 26 luglio 2007, n. 28/56, modificata dalla Dgr 16 gennaio 2009, n. 3/17 è stato approvato lo Studio per l'individuazione delle aree in cui ubicare gli impianti eolici. Le disposizioni sono state confermate dalla Dgr 1° giugno 2011, n. 27/16.
La citata Dgr 1° giugno 2011, n. 27/16 ha individuato le aree non idonee alla realizzazione di impianti fotovoltaici a terra, in attuazione delle disposizioni delle Linee guida nazionali. Le nuove norme abrogano le precedenti disposizioni delle Dgr 30/2 del 2008 e 59/12 del 2008.
Le norme sulla individuazione delle aree non idonee all'eolico vanno tutte riviste e riconsiderate alla luce della sentenza Corte Costituzionale 11 ottobre 2012, n. 224 che ha dichiarato illegittimo l'articolo 18 della Lr 29 maggio 2007, n. 2, come sostituito dall'articolo 6, comma 8, della Lr 7 agosto 2009, n. 3 che indicava le aree idonee all'eolico escludendo di fatto tutte le altre e definendo così una generale impossibilità di realizzare impianti eolici in contrasto con la massima diffusione delle rinnovabili stabilita dalle norme Ue e dal Dlgs 387/2003.

Autorizzazioni

Competenza: è la Regione l'autorità competente in materia di autorizzazione alla realizzaione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Autorizzazione unica: Le linee guida regionali in materia di Autorizzazione unica sono state fissate dalla Dgr 1° giugno 2011, n. 27/16 in attuazione delle linee guida nazionali (Dm 10 settembre 2010) e del Dlgs 28/2011.
Le linee guida hanno abrogato le precedenti disposizioni varate con Dgr 25/40 del 2010.
La Lr 30 giugno 2011, n. 12 aveva previsto la PAS (procedura abilitativa semplificata) per impianti a biogas realizzati da imprenditori agricoli e imprese agricole. Le norme sono state dichiarate illegittime dalla Corte Costituzionale con sentenza 20 aprile 2012, n. 99 e non sono più valide.
Con Dgr 6 ottobre 2011, n. 40/20 la Regione ha disciplinato la PAS per le serre fotovoltaiche.

Via: la legge 7 agosto 2009, n. 3 ha recepito le indicazioni nazionali del DLgs 152/2006. Le Linee guida regionali sono state aggiornate con Dgr 7 agosto 2012, n. 34/33 che hanno adeguato le disposizioni alle novità in materia stabilite dalla disciplina nazionale.

Per i testi di questi e degli altri provvedimenti regionali, consulta la voce Normativa regionale nel menù di destra.

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata ReteAmbiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google